Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lavoratori in nero scoperti dai carabinieri dell'ispettorato, sospesa l'attività

IL TITOLARE DEL "CASA NOSTRA" DI VEDELAGO VA IN CARCERE

Carlo Bernardo, 55 anni, deve scontare un anno e un mese per truffa


VEDELAGO - Era ai domiciliari dallo scorso 6 maggio per scontare una pena per una condanna per truffa aggravata risalente al 26 novembre 2007 e commessa a Venezia, ma ora, su ordine di carcerazione emesso dal tribunale di sorveglianza, è finito dietro le sbarre. A finire in una cella del carcere di Sabta Bona il 55enne di origini casertane Carlo Bernardo: l'uomo è titolare del ristorante pizzeria "Casa nostra" di Vedelago. A causa delle ripetute violazioni alle prescrizioni del giudice il tribunale lagunare ha emesso un ordine di sospensione del regime degli arresti domiciliari. L'uomo dovrà scontare ora una pena residua di un anno e un mese di reclusione. All'interno dell'esercizio pubblico, durante un controllo, sono stati trovati inoltre alcuni dipendenti "in nero": i militari del nucleo ispettorato del lavoro dei carabinieri hanno così provveduto a sospendere l'attività.