Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La "Autocom srl", società del gruppo, serviva solo per acquistare i mezzi da sogno

BUCO NES: SEQUESTRATE AUTO, QUOTE E VILLE PER 16 MILIONI

Cinque indagati per reati tributari e appropriazione indebita


TREVISO - (NC) Il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Treviso ha chiuso gli accertamenti fiscali sulle società del gruppo “Compiano” avviate in seguito allo scandalo “North east services”. Luigi Compiano e i collaboratori Massimo Schiavon e Gianluca Campagnaro erano già finiti nel registro degli indagati per appropriazione indebita in seguito alla scoperta dell'ammanco da 31 milioni di euro dai caveau della Nes, nell'ottobre del 2013. In questi mesi gli investigatori hanno passato al setaccio le sette aziende che componevano il gruppo, tutte gravate da pesanti debiti. Sono la “Nes”, la “Compiano”, la “Autocom”, la “Servizi fiduciari, la sicurezza”, la “Vigilanza della Marca”, “La sicurezza” e la “Radar”. Complessivamente è stata rilevata un'Iva non versata per 27 milioni di euro, recuperati a tassazione 8 milioni di euro, ritenute non versate per 5 milioni e Iva dovuta per 960mila euro. Denunciati per appropriazione indebita e vari reati tributari dalle fiamme gialle Luigi Compiano, il fratello Marco, amministratore pro-tempore dopo lo scoppio dello scandalo, Massimo Schiavon, responsabile del caveau di Silea, Gianluca Campagnaro, l'informatico contabile del gruppo, ed un dipendente di una delle società coinvolte. I finanzieri, in seguito a questi accertamenti di polizia tributaria, hanno posto sotto sequestro per equivalente: quote societarie per 1,3 milioni, due ville in provincia per un valore di 3 milioni, 329 automobili e moto di lusso per un valore di 13 milioni. Le vetture erano custodite in una decina di capannoni della provincia di Treviso, lontane da occhi indiscreti. Si tratta di una collezione di auto da sogno formata da Ferrari, Porsche, Lamborghini, Jaguar, Rolls Royce, moto, barche, bici di valore e altro materiale. I veicoli, e questa è una delle novità sostanziali di questo filone d'indagine, venivano acquistati e intestati ad una società, la “Autocom srl” che vedeva Luigi Compiano come rappresentante legale e la moglie come socia. La “Autocom”, hanno accertato gli investigatori, serviva da “schermo” aveva cioè la funzione di non ricondurre gli acquisti direttamente a Luigi Compiano. (Nella foto, da destra, il comandante provinciale Giuseppe De Maio e il comandante del nucleo di polizia tributaria, Massimo Dell'Anna)

L'indagine della Gdf: dal buco di 40 milioni al
ritrovamento del tesoro di auto e barche
Il crollo di un impero: la denuncia delle banche del primo ottobre 2013

L'indagine sul maxi-buco della North East services scoppia il primo ottobre 2013 quando alcune banche denunciano alla Procura l'impossibilità di poter ritirare il proprio denaro custodito all'interno del caveau della società, a Silea. Dagli accertamenti della Guardia di Finanza, con perquisizioni nelle undici “sale conta” di Nes sul territorio nazionale, nella sede principale di Silea e nell'abitazione dell'amministratore Luigi Compiano, viene quantificato l'ammanco di denaro: sono 40 milioni di euro. Da un cassetto degli uffici di Silea spuntano 102 assegni per un valore di 31 milioni di euro, a firma Luigi Compiano e rilasciati al suo braccio destro Massimo Schiavon, responsabile della sala conta di Silea, a certificare la somma mancante. In breve le fiamme gialle scoprono l'esistenza di un “caveau contabile fittizio” gestito da Gianluca Campagnaro, incaricato da Schiavon di far quadrare i conti in bilancio, almeno sulla carta. L'indagine della Procura, coordinata dal pm De Bortoli, vede denunciati per appropriazione indebita Compiano, Schiavon e Campagnaro. Intanto i finanzieri scoprono un vero e proprio tesoro in autoveicoli di lusso: 493 automobili, 163 moto, 58 barche, 155 biciclette. La società Nes intanto, ormai agonizzante, viene privata delle licenze per poter operare con circa 80 lavoratori a rischio. Al capezzale dell'istituto di sicurezza viene chiamato dal tribunale il curatore fallimentare Sante Casonato, impegnato nel risanare la North East services.