Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

E' il progetto di sviluppo fluviale che unisce pubblico e privato

IL RILANCIO TURISTICO PARTE DAL SILE CON "OASI D'ACQUE E SAPORI"

Dieci i comuni interessati, da Vedelago a Quarto d'Altino


TREVISO - In vista dell'Expo 2015 anche Treviso si muove. “Oasi d’acque e di sapori” è il progetto di sviluppo turistico dell’asta del Sile promosso dal Comune di Treviso e dal Parco Naturale Regionale del Fiume Sile e che coinvolge i comuni di Casier, Istrana, Morgano, Quarto d’Altino, Quinto di Treviso, Roncade, Silea e Vedelago.
Questi i Comuni impegnati nel piano di rilancio turistico dei territori attraversati dalle acque del Sile, che intende sfruttare la visibilità di Expo 2015 per creare una rete di soggetti pubblici e privati capaci di una futura un'organizzazione condivisa dell'offerta turistica fluviale. Le premesse ci sono: nel 2013 le strutture turistiche dei comuni rivieraschi sono state scelte da più di 275 mila turisti, di cui circa 170 mila stranieri, per un totale di 500 mila notti trascorse sul territorio. 
A settembre saranno due gli appuntamenti di approfondimento e occasioni di incontro per gli operatori turistici al fine di supportare la creazione di reti: il 1 settembre presso il Comune di Treviso si riunirà il Gruppo Tematico relativo alla “Cultura ed Eventi”, mentre l’8 settembre presso l’Ente Parco Sile si terrà quello relativo a “Natura e Ambiente”. Seguiranno poi i Gruppi “Eno-gastronomia” e “Sport e Tempo libero”. Il progetto prevede anche  l’attivazione di un portale web e di un app per smartphone, oltre alla creazione di una Sile Card, ovvero una carta turistica da utilizzare per usufruire al meglio dei servizi turistici e correlati del territorio. Nella serata di martedì 22 luglio i partner del progetto si sono incontrati a Casale sul Sile dove, oltre al cronoprogramma e ai tavoli di lavoro, si è discusso dalla sistemazione strutturale di alcuni settori dell’asta del Sile, dei burci e del loro recupero. Dal dibattito è emersa anche che la necessità di considerare il tema dei trasporti, della sostenibilità ambientale, dei servizi al turista e della promozione oltre al coinvolgimento di altri enti pubblici e privati competenti. 
L’incontro di Casale sul Sile è il quarto di una serie di eventi di presentazione del progetto.
Ai nostri microfoni l'assessore alla cultura di Treviso, Luciano Franchin.