Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Spresiano, blitz della polizia in un albergo, era il terzo incontro fugace con una donna

FINISCE CON L'ARRESTO LA FUGA D'AMORE DEL "RE DELLE TRUFFE"

Ivan Baricevic, nomade 26enne, ha violato la sorveglianza speciale


SPRESIANO - (NC) Il "re delle truffe", il nomade 26enne Ivan Baricevic, arcinoto alle forze dell'ordine per le decine di raggiri messi a segno in provincia di Treviso e non solo, è stato arrestato lunedì mattina dalla polizia mentre si trovava all'interno di un albergo di Spresiano. Questa volta le manette non sono scattate per l'ennesima auto fatta sparire con i soliti "trucchi del mestiere". Baricevic è finito in carcere per aver violato in più occasioni la sorveglianza speciale a cui era stato sottoposto: tra i vincoli c'è quello di restare nel territorio del Comune di Treviso e di non incontrare persone con precedenti penali o di polizia. Il 26enne, in base alle segnalazioni giunte in Questura, frequentava l'albergo per fugaci incontri con una donna coetanea e con precedenti di polizia. Abbastanza per far scattare il blitz della polizia e l'accompagnamento in carcere su disposizione del pubblico ministero Valeria Sanzari. Baricevic aveva regolarmente pagato all'albergo, al costo di 90 euro, la stanza d'albergo per incontrare l'amica: prima del tramonto sarebbe poi tornato a casa per evitare i controlli delle forze dell'ordine. Ivan Baricevic è considerato un vero e proprio “re delle truffe”. Sono stati almeno una quarantina i raggiri messi a segno dal 26enne negli ultimi anni. Le vittime erano i malcapitati proprietari d'auto che mettevano la propria auto in vendita in internet: il nomade, dopo averli contattati ed incontrati, riusciva a convincere i venditori a mettere nero su bianco il passaggio di proprietà e a far sparire le vetture, senza ovviamente pagare un euro, fingendo di versare bonifici o consegnando assegni scoperti.