Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nuova azione legale dopo il processo per appropriazione indebita a carico di lui

GUERRA TRA EX PER LA PROPRIETÀ DEL CANE: SCATTA LA CAUSA CIVILE

Depositato un ricorso d'urgenza per riavere il levriero razza Whippet


TREVISO – (gp) La guerra tra ex fidanzati per la proprietà di un cane continua. Dopo la denuncia penale per appropriazione indebita (che ha fatto finire a processo il suo ex, prossima udienza fissata a gennaio), la vicenda si è arricchita di un secondo capitolo: un ricorso d'urgenza in sede civile per chiedere la restituzione dell'animale, un levriero di razza Whippet. E il terzo capitolo pare essere già stato messo in cantiere: una richiesta di risarcimento per i danni morali che starebbe patendo l'attuale moglie dell'uomo che a metà agosto darà alla luce il loro primo figlio. Il paradosso è che, considerati i tempi della giustizia italiana (soprattutto in sede civile), la battaglia legale rischia di concludersi quando il motivo del contendere potrebbe essere già passato a miglior vita, visto che il cane sta per compiere cinque anni. Ma andiamo con ordine. La vicenda ha inizio nel dicembre del 2010 quando la coppia scoppia, dopo un anno di convivenza. Lei, 35enne, se ne va dall'appartamento nel quale rimangono il compagno, 36 anni, e il cane. Lei chiede all'ex la restituzione dell'animale qualche tempo dopo e, proprio alla vigilia delle nozze dell'uomo, fa partire la denuncia per appropriazione indebita. Al centro del contendere l'attestato di proprietà del cane che risulta essere della donna. “Ma quella decisione venne presa - la replica dell'uomo, difeso dall'avvocato Lorenza Secoli - per motivi di opportunità. Il levriero l'ho pagato io. E da allora è sempre stato con me, da quando venne acquistato nell'ottobre del 2010”. La denuncia ha fatto scattare le indagini della Procura di Treviso, sfociate con il processo che al momento deve ancora arrivare al primo grado di giudizio. La vita dei due ex fidanzati, al di fuori dell'aula del tribunale, è andata avanti. Tanto che lui, dopo il matrimonio con la nuova compagna, tra qualche settimana diventerà padre. E a pochi mesi dalla nascita è arrivata la seconda azione legale della ex: un ricorso d'urgenza in sede civile per chiedere la restituzione del levriero. L'udienza è già stata fissata il 19 agosto, proprio nei giorni in cui il bambino dovrebbe nascere. E l'uomo, che vuole essere presente all'udienza, potrebbe essere costretto a fare la spola tra l'aula del tribunale e la sala parto.