Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO San Polo, si fa consegnare un telefono e poi chiede 200 euro di riscatto

RAPINA ED ESTORSIONE AD UN 15ENNE: "BULLO" ARRESTATO

In manette un 17enne, era il boss di una baby gang di stranieri


SAN POLO - E' stato aggredito in autobus da una baby gang composta da tre giovani marocchini, rapinato del suo cellulare ed infine vittima di un tentativo di estorsione con il gruppetto di malviventi che pretendeva la consegna di 200 euro per rendergli il telefonino. Vittima di questo episodio, avvenuto a fine aprile, un ragazzo marocchino di 15 anni, residente a San Polo di Piave. I carabinieri di Conegliano, al termine delle indagini, hanno arrestato il capo della banda che era entrata in azione: si tratta di un connazionale 17enne. Il 15enne si trovava a bordo dell'autobus, diretto da Conegliano a San Polo di Piave, quando a lui si è avvicinato il terzetto di “bulli”: gli viene ordinato di alzarsi e liberare il posto e con questo pretesto il “boss” riesce a sfilargli il telefono dalle mani, un I phone 4S. Il ragazzo, sotto choc, viene poi minacciato: se non avesse consegnato una somma di 200 euro il cellulare sarebbe finito in vendita su internet. Il 15enne viene costretto a chiamare la madre, con il telefonino di un'amica che era presente a bordo del mezzo pubblico, perchè arrivasse nella piazza principale di San Polo con il denaro: alla donna racconta di essere stato multato perchè senza biglietto. Quando vittima e aguzzini sono scesi dall'autobus il telefonino viene consegnato ad un complice dei tre che ha subito inforcato la sua bicicletta ed è fuggito. La madre, giunta sul posto, ha subito fiutato il trucco ed il figlio, messo alle strette, ha raccontato quanto accaduto. I malviventi, appostati ad assistere al dialogo tra i due, sono stati costretti a dileguarsi: hanno ben presto capito che il loro piano era miseramente fallito. Sul posto sono stati contattati i carabinieri che hanno identificato e denunciato i tre stranieri alla Procura della Repubblica di Venezia per rapina ed estorsione in concorso. Identificato anche il complice fuggito con il cellulare. Per il 17enne, con vari precedenti alle spalle per furto e spaccio, la Procura di Venezia ha disposto la misura della custodia cautelare in una comunità per minorenni. Nel video il commento del comandante del reparto operativo dei carabinieri di Treviso, Marco Piccoli.

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica