Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Villorba, lotta per il dominio sul mercato del sesso su strada, indagano i carabinieri

LUCCIOLA SFRUTTATA: ESTORSIONI E MINACCE ALLA "CONCORRENZA"

Arrestati due kossovari di 20 anni, sono accusati anche di estorsione


VILLORBA - Sfruttavano una lucciola ungherese di 26 anni, costringedola a prostituirsi lungo la Pontebbana, a Villorba, e allontanavano la concorrenza, le altre bande dell'est Europa che gestiscono la prostituzione di strada nella Marca, con minacce e gesti violenti. A finire in carcere, su ordine del gip del tribunale di Treviso, due giovani kossovari, poco più che 20enni. I giovani, sulle cui tracce c'erano da tempo gli uomini del nucleo investigativo dei carabinieri di Treviso, devono rispondere di fruttamento della prostituzione ed una serie di altri reati, dalla minaccia all'estorsione. Le indagini dei militari sono ancora in corso per verificare altri eventuali episodi riconducibili alla banda.