Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Prima amichevole stagionale dei biancocelesti è prevista oggi alle 16.30

IL NUOVO TREVISO SI PRESENTA A VASCON CONTRO LA CLODIENSE

Mister Tentoni: "Per ora pretendo un buon atteggiamento tattico"


TREVISO -  Prima uscita amichevole per il nuovo Treviso: oggi alle 16.30 a Vascon c'è il test contro la Clodiense, serie D. Dice mister Davide Tentoni: "Le indicazioni che potrò trarre dall'amichevole saranno di massima. Quello che pretendo da tutti,sono applicazione , movimenti corretti in funzione della palla il che significa quindi un buon atteggiamento tattico, possibilmente giocando rapidi a due tocchi. In settimana si è lavorato veramente molto bene. Noto spirito di sacrificio, d'abnegazione, voglia di far fatica e direi che per un allenatore sono segnali confortanti. E' di sollievo anche, che non si è fatto male nessuno e quindi potrò far ruotare la rosa. Ci sarà spazio per tutti in quanto nessuno ha sulle gambe 90 minuti. Coglierò l'occasione per vedere questi calciatori all'interno del rettangolo verde al di fuori di situazioni d'allenamento. Non è assolutamente un "dentro-fuori", ma ho dei ragazzi svegli che sanno d'esser sotto esame e immagino che vorranno mettersi in luce."
Dolorosa la perdita di Frank Mensah. 
"A livello squisitamente tattico al momento in rosa non c'e' nessuno con le sue caratteristiche e comunque sono in diretto contatto con il DS per poter eventualmente trovare un'alternativa. Mi spiace, umanamente parlando, che Frankie non faccia più parte del gruppo, ma la società è stata chiara fin dal principio e nel rispetto di tutti coloro che hanno sposato il progetto a determinati parametri, il giocatore è stato allontanato. Mi vorrei soffermare un attimo su questo episodio. Non sto assolutamente puntando il dito contro Mensha, sia chiaro fin dall'inizio, ma questa vicenda mi ha fatto riflettere. Prendiamo un neo laureato che esce dall'università. Quando si presenterà presso un'azienda inizierà ad un certo livello, non sarà subito un dirigente. Si impegnerà e poi nel corso di 4-5 anni, dopo aver acquisito un bagaglio d'esperienza probabilmente il tutto lo porterà a far carriera e comunque a migliorare la sua posizione sia a livello di mansione che retributivo. Questa si chiama gavetta. Nel calcio è la stesso scenario a mio avviso. Devi fare cose veramente importanti e notevoli per poi avere delle pretese di un certo spessore. E in più, devi essere costante nel tempo. Questa è la mia idea e purtroppo noto che in tanti calciatori, soprattutto giovani, manca molta umiltà e spesso erroneamente pensano di esser arrivati quando in realtà ne deve passare di acqua sotto il ponte".
Non vi manca un attaccante di peso?
"Io ho chiesto un attaccante di peso e il direttore sportivo Tonicello, lo ha individuato in Angelo Conte che tra l'altro tatticamente è molto duttile visto che può ricoprire diversi ruoli davanti. Siamo sempre alla finestra, il tempo è a nostro favore, ma non c'e' a mio avviso tutta questa fretta e non dimentichiamoci che tra le nostre fila c'e' un certo Damiano Mason che ha 20 gol lo scorso anno in Eccellenza. I tifosi è giusto che sognino, ma non dimentichiamo di un aspetto fondamentale, ovvero che bisogna rispettare il budget societario."