Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Interrogato il 53enne di Povegliano arrestato con l'accusa di tentato omicidio

FAR WEST ALLA CANTINA ESPANOLA: L'AGRICOLTORE NON RICORDA NULLA

L'uomo rimane in carcere: ha lanciato il suo Freelander contro il locale


POVEGLIANO - (gp) Era il momento giusto per spiegare quegli attimi di follia, trovare una giustificazione, e magari pure chiedere scusa. Ma l'agricoltore 53enne di Povegliano finito in manette con l'accusa di tentato omicidio e una serie di reati satellite, è comparso ieri mattina di fronte al gip Umberto Donà sostenendo di non ricordarsi nulla di quanto accaduto venerdì pomeriggio nella Cantina Espanola, il locale di fronte alle poste di San Daniele. Difeso dall'avvocato Marco Bonazzi, l'uomo non è riuscito a dare una chiara versione di quanto successo. Circostanza che ha spinto il giudice, dopo aver convalidato l'arresto, a confermare la misura di custodia cautelare in carcere per il 50enne. Decisione presa anche per poter valutare le condizioni della vittima, il compagno di origini albanesi della titolare del locale. E' stato lui infatti ad avere la peggio al termine di quella manciata di minuti di follia dell'indagato. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, il 53enne stava bevendo qualche bicchiere proprio con Elvis (il compagno di Valentina Bonan) fino a che, complici l'alcol e forse il caldo, tra loro è nato un diverbio pare per alcune frasi razziste rivolte da Dalla Cia a un gruppo di albanesi che qualche sera prima gli avevano lasciato il conto da pagare. Prima è volato un pugno che ha fatto cadere Elvis a terra, poi è uscito dal locale prendendosela con l'auto del giovane. Dopo averla speronata con la sua Freelander, il 53enne avrebbe cercato di investirlo  travolgendo anche i tavolini del bar. Ma non basta: poi avrebbe lanciato il suo fuoristrada contro la vetrata del locale sfondandola e investendo sia Elvis (rimasto a terra privo di sensi) che un altro avventore. Un pomeriggio di follia che soltanto il sindaco Rino Manzan, chiamato dalla vicina biblioteca, è riuscito a calmare facendo ragionare il 53enne fino all'arrivo dei carabinieri.