Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le nuove regole portano ad un rialzo dell'imponibile e quindi delle tasse

RIFORMA DEL CATASTO, RISCHIO STANGATA PER I TREVIGIANI

Con i nuovi valori di mercato aumenti del 144% rispetto alle attuali rendite


TREVISO - La nuova riforma del Catasto rischia di pesare non poco sul portafoglio dei trevigiani proprietari di immobili. Secondo un'analisi elaborata dal Sole 24 Ore l'aumento tra le attuali rendite catastale e i valori di mercato alla base delle nuove regole, infatti ammonterebbe al 144%: l'imponibile passerebbe dai 99.627 euro medi di oggi a 242.907 euro. Nella classifica  tra i 103 capoluoghi di provincia italiani, Treviso si colloca al 29esimo posto per entità di incremento. Se il dato venisse confermato, si ripercuoterebbe inevitabilmente sulle tasse sugli immobili, in particolare Imu e Tasi, che, a loro volta, potrebbero registrare rialzi di una volta e mezza. Nella graduatoria nazionale, il record del differenziale spetta a Pistoia (più 284%), seguita da Pesaro (273%), mentre a Pordenone l’aumento è solo del 19%.