Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un milione per interventi a Refrontolo, Tarzo, Cison e Pieve di Soligo

DALLA REGIONE 4 MILIONI PER LA SICUREZZA IDROGEOLOGICA

Dopo la tragedia di sabato, messa in sicurezza del torrente Lierza


VENEZIA - La Regione del Veneto ha messo a disposizione 3 milioni per la messa in sicurezza e ripristino della zona colpita dall’esondazione del torrente Lierza e aree limitrofe, mentre un altro milione è stato stanziato per gli interventi urgenti necessari a fronteggiare l’emergenza idrogeologica causata dalla bomba d’acqua del 2 agosto nei Comuni trevigiani di Refrontolo, Tarzo, Cison di Valmarino e Pieve di Soligo.
Lo ha deciso la Giunta regionale, su iniziativa del presidente Luca Zaia, nella prima seduta utile dopo la tragedia. Lo stesso Zaia ha fatto il punto sulla situazione dopo l’evento che ha causato quattro morti. Con la delibera approvata, il direttore della Sezione Difesa del Suolo è stato incaricato di mettere in atto ogni azione utile per il ripristino e la messa in sicurezza dei luoghi, avendo cura di supportare le amministrazioni locali già intervenute. Si tratta, in particolare di rimettere in sesto la viabilità, gli impianti e le infrastrutture pubbliche e di pubblica utilità, stabilizzre dei versanti, effettuare pulizia e manutenzione straordinaria degli alvei dei corsi d’acqua interessati, nonché realizzare alcune opere di difesa idraulica.
Già la scorsa domenica, il governatore aveva firmato il decreto per dichiarare lo “stato di crisi” nei territori dei quatto comuni più colpiti. E’ però emersa la necessità di stanziare un milione di euro per affrontare le spese di prima emergenza e messa in sicurezza. Si tratta tra l’altro della prima assistenza alla popolazione, della gestione di strutture temporanee di accoglienza, di alloggi, trasporti, noleggio e movimentazione di mezzi, rimozione di mezzi e materiali, opere provvisionali necessarie a salvaguardare la pubblica incolumità.