Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre società italiane e una cordata veneta, entro il 26 settembre le offerte definitive

QUATTRO PRETENDENTI PER ACQUISIRE NES E COMPIANO

Scaduto il termine per le manifestazioni d'interesse


TREVISO - Sono quattro i potenziali acquirenti di North East Services e di Istituto di vigilanza Compiano. Mercoledì, a mezzogiorno, scadeva il termine per la presentazione delle manifestazioni d'interesse per rilevare i rami vigilanza privata delle due società trevigiane, finite in amministrazione straordinaria dopo lo scandalo degli ammanchi milionari. Si sono fatte avanti, appunto, quattro imprese interessate: tre società singole e una cordata, formata da altri tre soggetti. Come rivela Sante Casonato, il professionista che sta curando l'intera procedura, si tratta di operatori di livello nazionale, i primi tre provenienti da altre regioni, mentre il "consorzio" opera anche in Veneto. Tre pretendenti, in più, oltre che nella vigilanza, sono attivi anche nella conta e nel trattamento valori: elemento che lascia sperare nella possibilità di acquisizione pure dei caveau Nes e della riassunzione dei relativi dipendenti, attualmente in cassa integrazione.
Non sono stati avanzati altri interessamenti e tutti e quattro i proponenti sono stati ammessi alla "seconda fase": ora, cioè potranno esaminare nel dettaglio il conti di Nes e Ivc e, dopodichè, entro il 26 settembre, formulare una vera e propria offerta di acquisto, con l'importo economico e un articolato piano industriale. Le clausole da rispettare: assunzione di almeno 300 addetti, mantenimento per almeno due anni, accordo sindacale, fidejussione da 3 milioni di euro, "caparra" da 500mila euro al momento della presentazione dell'offerta.