Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ma Zaia è preoccupato: "Basta con l'accoglienza indifferenziata dei profughi"

LEBBRA, L'ULSS TRANQUILLIZZA: "NESSUN RISCHIO DI CONTAGIO"

Dopo il caso di Quinto, i medici assicurano: "Malattia poco infettiva"


TREVISO - Nessun rischio di contagio. Ad assicurarlo, dopo l'allarme per il caso di lebbra riscontrato mercoledì, sono i responsabili dell'Ulss 9 di Treviso. Il 37enne immigrato bengalese, a cui è stata diagnostica la malattia, risponde bene alla terapia a base di antibiotici e cortisone e dovrebbe essere dimesso dal reparto di Malattie infettive del Ca' Foncello entro pochi giorni, per essere trasferito al centro nazionale di riferimento di Genova per le verifiche del caso. In queste ore sono in corso le analisi sui suoi cinque familiari conviventi, per verificare una loro eventuale positività. La patologia ha un'incubazione lunghissima, in media tra i cinque e gli otto anni (ma può arrivare anche a venti): con ogni probabilità, dunque l'uomo ha contratto il morbo nel suo paese d'origine, prima di arrivare in Italia, otto anni fa.
Il pericolo di una diffusione è pressocché nulla, ribadisce Michele Tesserin direttore sanitario dell'Ulss 9: la lebbra può essere contratta solo da chi vive a stretto contatto e per periodi molto prolungati con persone infette. L'ultimo caso a Treviso, sempre riferito ad un immigrato, risale a cinque anni fa. In Italia esistevano focolai endemici autoctoni in Sicilia, Calabria, Sardegna e Liguria, ma la malattia si considera debellata dai primi anni '80. In tutti i paesi occidentali, anche in quelli dove in media di registrano più malati come Usa (circa 150 all'anno) o Gran Bretagna (un centinaio) non sono noti casi di trasmissione secondaria, ovvero da soggetto infetto ad uno sano.
Ciò nonostante, il presidente della Regione, Luca Zaia, complimentandosi con l'Ulss trevigiana per la rapidità e l'efficienza con cui è stato individuato il caso, continua ad esprimere preoccupazione per la ricomparsa di malattie, come tbc, lebbra o scabbia, da tempo considerate sparite nella nostra zona. “Per questo l'attenzione del dell’intero sistema sanitario veneto rimane al massimo – ha ribadito il governatore -, sia sul piano della prevenzione che su quello della profilassi dove e quando necessaria”. Ma Zaia ha criticato con forza anche la politica di accoglienza indifferenziata di profughi: “Andando avanti così – ha spiegato – si calpesta prima di tutto proprio la dignità dei migranti, si mettono in croce le amministrazioni locali, e si mette a rischio la salute pubblica. Il fallimento dell'operazione Mare Nostrum – ha concluso Zaia – è purtroppo sotto gli occhi di tutti, ma le autorità nazionali, visti anche i notiziari del mattino, assomigliano sempre di più all’orchestrina del Titanic che suona allegramente mentre il transatlantico affonda”.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
06/08/2014 - Caso di lebbra a Quinto:
bengalese al Ca' Foncello