Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Intervista al successore di Franco Smith e Goosen alla vigilia della prima amichevole

PARLA COACH UMBERTO CASELLATO: "ECCO COME SARĄ IL MIO BENETTON"

"Treviso cercherą di farsi onore in una Celtic pił dura che in passato"


TREVISO - Mercoledì alle 20 a Monigo esordio del Benetton Rugby nelle amichevoli estive: avversario il Mogliano. Coach Umberto Casellato fa il punto della situazione. "Abbiamo predisposto una programmazione per un certo gruppo di giocatori, un’altra invece per nazionali e stranieri che arrivano dal Super Rugby e che stanno lavorando in palestra ed in campo con sistemi differenti. Nelle prime amichevoli vedrete i primi, più avanti i secondi, perché intendiamo seguire una certa logica."
Com'è stato il suo ritorno a Treviso? "E’ naturale che il solo fatto di essere di nuovo a casa mi rende entusiasta, ma posso dire che qui ho trovato uno staff tecnico di alto livello, dal quale sto imparando. E spero di trasmettere anch’io qualcosa a loro. Sono certo che non so fra quanti anni, cioè alla fine di questa mia avventura, sarò arricchito sia professionalmente che dal punto di vista umano. E lo dico ancora prima di iniziare. I risultati sono determinanti ma sono convinto che onestà e correttezza siano qualità che ti fanno superare anche i momenti più difficili, durante i quali sicuramente remeremo tutti uniti nella stessa direzione."
Come sarà il livello del prossimo torneo celtico? "Ora si può andare solo a spanne, ma credo sarà un po’ superiore all’ultimo: in tanti si sono rinforzati, Cardiff ha cambiato il director e parecchi giocatori, idem Connacht, a mio avviso le prime 4-5 big, tipo Munster, Leinster, Glasgow faranno un campionato a parte. Edinburgh resta ostica ma forse si è indebolita, le Zebre sono più forti con i due sudafricani e qualche italiano preso dall’Eccellenza."
E questo Benetton in che posizione potrebbe inserirsi? "Direi che è una domanda prematura, aspettiamo almeno di giocare le amichevoli, dove speriamo di trovare molte difficoltà: di contatto vero in otto settimane ne avremo fatto mezzora. Vedremo di metterci ciò che applicheremo all’inizio in campionato contro Ospreys, Munster, Scarlets e Dragons, tre trasferte su quattro: ecco, là capiremo che gruppo siamo e di conseguenza dove potremo arrivare. Ma l‘obiettivo è avere per 8 mesi prestazioni costanti facendo turno over: 40 giocatori da gestire sono tanti, la sfida sarà renderli partecipi tutti del nostro progetto rugbistico."