Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Concessi novanta giorni di tempo a un ingegnere idraulico, un geologo e un idrologo

NOMINATI TRE ESPERTI PER CAPIRE COME MAI IL LIERZA ╚ ESONDATO

Disastro di Refrontolo: giÓ effettuate dal pm due ricognizioni aeree


REFRONTOLO – (gp) Un geologo, un ingegnere idraulico e un esperto in idrologia. Sono tre i professionisti nominati dalla Procura di Treviso per far luce su quanto accaduto al Molinetto della Croda di Refrontolo la sera del 2 agosto scorso. I periti, che avranno 90 giorni di tempo (prorogabili) per stilare una relazione dettagliata in merito all'esondazione del torrente Lierza che ha ucciso quattro dei 90 partecipanti alle “Festa dei Omeni”, ferendone gravemente altri due, avranno il compito di verificare lo stato dei luoghi, analizzare la portata del torrente e stabilire se ci siano state o meno opere di modifica del corso del Lierza che potrebbero aver causato, anche indirettamente, l'ondata di piena che ha travolto la tensostruttura distruggendola. Le indagini sul disastro di Refrontolo insomma continuano a spron battuto. Il sostituto procuratore Laura Reale, titolare del fascicolo d'inchiesta a carico di ignoti per omicidio colposo plurimo e disastro colposo, ha effettuato un sopralluogo e una ricognizione aerea dell'area interessata, ancora sotto sequestro penale, rendendosi conto in prima persona della situazione e dando ordine di effettuare altri accertamenti alle forze dell'ordine intervenute la sera della tragedia. Un primo sorvolo è stato compiuto assieme agli uomini della Guardia Forestale, un secondo con i carabinieri per scattare delle immagini georeferenziate dei luoghi. Tutto materiale che confluirà nel fascicolo d'indagine per capire cosa sia andato storto e individuare se ci siano state o meno responsabilità di terzi nella morte di Maurizio Lot, Luciano Stella, Fabrizio Bortolin e Giannino Breda.
Ai nostri microfoni le parole del procuratore capo di Treviso Michele Dalla Costa.