Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si tratta di due cittadini africani: subito attivato il trattamento dermatologico

DUE CASI DI SCABBIA A VITTORIO VENETO TRA I PROFUGHI ACCOLTI

L'Ulss 7 rassicura: "Nessun problema di sanitario per la popolazione"


VITTORIO VENETO – (gp) Sono arrivati in 35 soltanto negli ultimi due giorni. E due dei profughi giunti a Vittorio Veneto, ospitati dalla cooperativa Integra che ha vinto l'appalto per accoglierli, sono affetti da scabbia. Lo rende noto l'Ulss 7 spiegando che non c'è alcun rischio per la popolazione. “Come da indicazioni regionali – si legge nella nota – l'Ulls 7 sottopone tutti i profughi in arrivo ad attenti controlli sanitari, al fine di identificare precocemente e trattare eventuali patologie in atto. Due giovani profughi di origine africana, attualmente ospiti del centro di accoglienza a Vittorio Veneto, sono risultati affetti da scabbia, malattia parassitaria della cute causata dall’omonimo acaro. Per i pazienti è stato subito attivato il trattamento dermatologico raccomandato, generalmente in grado di eliminare la parassitosi in un breve arco di tempo. Il dipartimento di prevenzione dell’Ulss 7, considerato che la scabbia si trasmette per contatto diretto cute-cute, ha attivato i protocolli di sanità pubblica previsti per il caso, consistenti sostanzialmente nel controllo e nel trattamento dei contatti stretti. I due casi di scabbia diagnosticati tra i profughi accolti a Vittorio Veneto – conclude la nota - non comportano nessun problema di sanità pubblica per la popolazione generale. Questo caso conferma l’importanza e l’efficacia della rete di sorveglianza sanitaria messa a punto a livello regionale in risposta all’emergenza profughi”.