Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oltre 600mila nella zona di Refrontolo, un milione per la viabilitą del Grappa

IL MALTEMPO DI AGOSTO PROVOCA DUE MILIONI DI EURO DI DANNI

La Provincia stima gli interventi sulle strade dopo piogge e frane


TREVISO - Poco meno di due milioni di euro: è l'ammontare dei danni alle strade provinciali della Marca, causati dall'eccezionale ondata di maltempo di agosto, in particolare dei giorni delle tragedia di Refrontolo. A stilare il bilancio, la Provincia di Treviso, dopo un attento lavoro di analisi e ricognizione effettuata dai suoi tecnici.
Lo studio è diviso in due differenti zone: una tiene infatti conto dei danni registrati nella zona più duramente colpita, cioè quella di Refrontolo, Cison di Valmarino, Tarzo e Follina; l'altra invece riguarda i danneggiamenti avvenuti negli stessi giorni in altri comuni, come Pederobba, Valdobbiadene, Nervesa della Battaglia, Vittorio Veneto, Cavaso del Tomba, Borso del Grappa. Per la zona di Refrontolo la cifra complessiva è pari a 600mila euro, per il resto del territorio si stimano 1.352.000 euro. Oltre alla rimozione del materiale franato e al prosciugamento dei punti allagati, in molti tratti di strada dovranno essere ricostruite o rinforzate scarpate e muri di contenimento. L'intera viabilità provinciale del Monte Grappa (le SS.PP. 140 e 141), ad esempio, necessita di importanti interventi di messa in sicurezza delle pareti in roccia laterali (disgaggio, posa reti paramassi, etc.), di posa e ripristino di barriere stradali e di rifacimenti della pavimentazione stradale, per un importo complessivo presunto intorno al milione di euro.
“La Provincia di Treviso era intervenuta subito nell'emergenza, ripulendo le strade e rendendo accessibile la viabilità già nella notte e il giorno successivo agli eventi atmosferici – spiega il presidente dell'amministrazione provinciale, Leonardo Muraro - Ora abbiamo finalmente la stima dei danni”. Il dossier, spiega il numero uno dell'istituzione del Sant'Artemio, verrà ora inviato alla Regione, perchè, a sua volta, inoltri la richiesta dello stato di calamità. “Confido che a breve ci vengano riconosciuti i fondi necessari al ripristino e alla tutela del territorio, in particolare per il problema delle frane, che la Regione non ci riconosce dal 2008 nonostante ci spettino per legge – rimarca Muraro -. Ho comunque ricevuto rassicurazioni dell’assessore regionale Conte in tal senso”.