Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mars One vuole mandare umani sul pianeta rosso entro il 2025

MISSIONE: COLONIZZARE MARTE, ANCHE DUE TREVIGIANI IN LIZZA

Silvia Favaro e Pietro Aliprandi aspiranti marsonauti


TREVISO - Ha da sempre affascinato astronomi e scrittori di fantascienza, convinti potesse ospitare altri esseri viventi. Presto la vita su Marte potrebbe diventare realtà, almeno secondo Bas Lansdorp. Il 37enne imprenditore olandese, ex ricercatore dell’Università di Delft, con alcuni soci statunitensi e canadesi, un paio di anni fa ha fondato la prima società privata, battezzata “Mars One,” per creare sul pianeta rosso la prima colonia umana. Per dimostrare che non si tratta di una semplice trovata, il team ha previsto un dettagliato cronoprogramma: entro il 2018 il gruppo punta a lanciare una  prima sonda, simile a quella sviluppata dalla Nasa, poi, via via, sul quarto pianeta del sistema solare dovranno sbarcare vari cargo per installare le attrezzature necessarie alla sopravvivenza ed infine, dal 2025, verranno sbarcati i coloni, in gruppi di quattro. Per trovare i finanziamenti (si parla di un budget inziale di 4,6 miliardi di euro) ha avviato una campagna di raccolti fondi e pensa ad un reality show ed ha cominciato la selezione degli astronauti. 
Per nulla spaventati dal fatto che, almeno allo stato attuale, si tratterebbe di un viaggio di sola andata (56 milioni di chilometri, almeno sei mesi di durata), si sono autocandidati in quasi duecentomila da tutto il mondo. Di recente, gli aspiranti marziani sono stati scremati a 704: tra questi, anche dieci italiani, tre veneti e, tra loro, due trevigiani: Silvia Favaro e Pietro Aliprandi.
Silvia, 29 anni, è nata a Genova, ma è cresciuta a Villorba, di dove è originario il padre. Dopo la laurea in geologia a Padova, quattro anni fa si è trasferita a Berlino per frequentare il dottorato alla Freie Universitaet. A differenza di molti altri, confessa di non aver mai sognato di fare l'astronauta: “Ma ho sempre sperato di fare qualcosa di utile e di nuovo nella vita. E questa mi è sembrata un'ottima occasione. All'inizio è stato un gioco, ora che sono dentro, perchè non provarci?”. Per ora non si pone il problema del ritorno: “Per ora mi godo l'esperienza: ho imparato cose nuove e conosciuto molte persone interessanti. Se e quando il progetto si concretizzerà, valuterò la questione. In fondo, però, perchè morire su Marte dovrebbe essere tanto diverso che farlo in un qualsiasi lontano paese della Terra?”. E' convinta che Marte è destinato ad essere esplorato e colonizzato dall'uomo: “Già oggi la tecnologia per raggiungerlo esiste, certo mandarci degli uomini e, ancor più, viverci per lunghi periodi è estremamente più complicato e costoso. Non so se Mars One ci riuscirà, ma prima o poi qualcuno ce la farà. Intanto ha avuto il merito di portare il tema all'attenzione e di coinvolgere persone di tutto il mondo”.
Pietro Aliprandi, 24 anni, studente di medicina a Trieste (dove è nato), è coneglianese d'elezione: “Quando guardo il cielo sogno aerei, astronavi ed esplorazioni spaziali – conferma nella sua autopresentazione sul sito della missione -. Mars One mi dà la possibilità di realizzare i miei sogni ed io farò del mio meglio”. Sottolinea di disporre di competenze biomediche ed informatiche, oltre a tenacia, capacità di imparare rapidamente e di lavorare in gruppo. Anche per lui l'entusiasmo sembra superare i timori: “Sono pronto per lasciare questo meraviglioso pianeta, la Terra, per compiere un altro enorme balzo per l'umanità”.