Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Un 60enne di Paese denunciato per esercizio abusivo della professione

SMASCHERATO UN FALSO DENTISTA: SOTTRATTI AL FISCO 250 MILA EURO

Operava nell'ambulatorio odontoiatrico di un 80enne in centro


TREVISO - (nc) Incontrava i clienti, uomini e donne di tutte le età, all'orario dell'aperitivo in piazza Borsa, nel cuore del centro storico di Treviso: da qui li accompagnava in uno studio dentistico dove effettuava otturazioni, impianti e forniva altre prestazioni in maniera completamente abusiva e totalmente in nero. A finire nel mirino di un'indagine della Guardia di Finanza di Treviso un odontotecnico 60enne, di Paese che risulta ora indagato per esercizio abusivo della professione medica. Gli investigatori hanno rilevato un'evasione al Fisco di circa 250mila euro: il falso dentista, con un regolare studio da odontotecnico a Paese, si faceva versare in contanti e senza nessuna ricevuta, al termine della seduta con il cliente di turno, il denaro delle prestazioni. Le tariffe erano del resto più che convenienti, almeno del 30% inferiori a quelle normali. Lo studio in cui il 60enne operava è di proprietà di un dentista di circa 80 anni, la cui posizione è ancora al vaglio: l'uomo era stato infatti, per anni, un fidato collaboratore dell'anziano. L'indagine, coordinata dal pm Valeria Sanzari, è culminata con un intervento diretto delle fiamme gialle presso lo studio: in coda, in attesa di essere ricevuti dal falso dentista, vi erano alcuni clienti. L'uomo ha tentato di giustificarsi asserendo di aver ottenuto la qualifica di dentista nell'allora ex-Jugoslavia ma il titolo, riferiscono le fiamme gialle, non avrebbe nessuna validità in Italia. Sequestrate dai finanzieri tutte le strumentazioni presenti nell'ambulatorio utilizzato dal 60enne oltre a documenti utili per ricostruire il giro d'affari dell'uomo: nelle mani degli investigatori sono finiti anche appunti e un'agenda in cui erano annotati tutti gli appuntamenti con i clienti, circa una cinquantina, da lui gestiti. L'uomo, già finito nei guai per un'indagine del nucleo Nas dei carabinieri risalente al periodo 2006-2009, sarà inoltre segnalato all'Agenzia delle Entrate che proseguirà negli accertamenti. Nel video le parole del comandante del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Treviso, Massimo Dell'Anna.
La conferenza stampa svolta oggi presso la sede della Guardia di Finanza di Treviso