Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Smontato dai carabinieri il raggiro: in due mesi aveva sottratto 2mila euro

POLIZZE FASULLE, NEI GUAI ASSICURATORE IRREGOLARE

Stipulava i contratti, ma si intascava i premi: denunciato per truffa


MONTEBELLUNA - Vendeva polizze fasulle: il collaboratore di un assicuratore di Montebelluna è stato denunciato per truffa dai carabinieri.
Tutto nasce da un incidente stradale, senza feriti, avvenuto a fine giugno proprio a Montebelluna. Uno dei due autisti coinvolti esibisce ai militari dell'Arma, intervenuti sul posto, un contratto assicurativo. Al controllo nella banca dati, però, il mezzo risulta privo di assicurazione, benchè il conducente insista nell'aver pagato regolarmente. Mentre l'uomo presenta denuncia contro il presunto assicuratore, partono complessi accertamenti. Alla fine gli investigatori sono riusciti a ricostruire la tecnica messa in atto, da B. S. 41enne del luogo: l'uomo operava nel settore per conto di un vero agente assicurativo. Quest'ultimo, mandatario di più compagnie, se ne serviva, pur essendo una pratica illegale, perchè, come poi dichiarerà “conosceva molte persone e poteva procacciare nuovi clienti”. Anzi, preso dai preparativi del suo matrimonio, aveva finito per affidare al collaboratore la quasi totale gestione dell'attività. Il procacciatore rilasciava contratti originali agli assicurati, che dunque erano tranquilli, e ritirava i premi. Non versava, però, il denaro al “datore di lavoro”, sostenendo che a causa di difficoltà economiche i clienti erano in ritardo con i pagamenti. Il trucco ha funzionato in almeno quattro casi in tre mesi, per una somma complessiva superiore ai duemila euro, e sarebbe senza dubbio proseguito se i carabinieri non avessero scoperto il raggiro.
Il 41enne è stato denunciato per truffa continuata. Ma non è rimasto senza conseguenze neppure il vero assicuratore: costretto dalla situazione a spiegare ai clienti e alle compagnie assicuratrici cosa fosse accaduto, ha versato di sua spontanea volontà i premi dei truffati, ma è stato licenziato.