Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA È VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

"Il problema del reclutamento di combattenti da inviare in guerra è reale"

ALLARME TERRORISMO: LA DIGOS DI TREVISO CONTA SOLO 15 AGENTI

Tuona il segretario del sindacato Siap, Flaviano Iuliano


TREVISO - “Il problema della potenzialità di arrivo di terroristi, infiltrati tra i migranti che invece sono da aiutare, o di soggetti che transitano nel nostro paese per reclutare combattenti da inviare nei paesi in guerra, esiste ed è reale”. Sulla vicenda dei cinque jihadisti scoperti e fermati in Veneto dal Ros dei carabinieri interviene il segretario provinciale del sindacato di polizia Siap, Flaviano Iuliano, che sottolinea come sia precaria la situazione degli organici della Digos per prevenire e monitorare il fenomeno. La Questura di Treviso, ad esempio, conta appena 15 agenti, tra cui alcuni con grande anzianità di servizio.