Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Muraro: "Servono risorse per la prevenzione, il governi sblocchi il patto di stabilitą"

FRANA FA SPROFONDARE LA STRADA, CHIUSA LA PROVINCIALE 151

Inghiottiti 20 metri della "Pedemontana del Cansiglio" a Fregona


FREGONA - Non danno tregua le frane nell'Alta Marca. L'ultimo episodio si è verificato in comune di Fregona: uno smottamento ha interessato la strada provinciale 151 “Pedemontana del Cansiglio”. Il cedimento del terreno sottostante ha letteralmente trascinato nella scarpata un tratto di una ventina di metri della carreggiata, all'altezza del chilometro 3+300 circa, in corrispondenza dell'incrocio tra via Colors e via Breda. La Provincia, competente su questo tipo di viabilità, ha chiuso al traffico l'asse viario: il provvedimento, che non lascia isolata alcuna famiglia, è stato preso in via cautelativa per poter eseguire tutte le verifiche tecniche necessarie.
E a proposito di prevenzione e sicurezza idro-geologica, il presidente della Provincia, Leonardo Muraro, torna a protestare per i drastici tagli di fondi. “Giri di parole e tante buone intenzioni sulla carta, ma senza soldi non si va da nessuna parte!” attacca Muraro, rivolgendosi al ministro per l'Ambiente, Guido Galletti. Il leader dell'amministrazione provinciale sollecita il rappresentante dell'esecutivo a recuperare le risorse da destinare al Veneto. “Dopo l’alluvione del 2010 – nota Muraro -, tutte le istituzioni in Veneto hanno predisposto un piano delle azioni e degli interventi di mitigazione del rischio idraulico e geologico, necessari per la messa in sicurezza del territorio per oltre 2 miliardi e 700 milioni, per la cui attuazione servirebbe un piano pluriennale di finanziamenti e investimenti del tutto assente nei piani del Governo”.
Muraro ricorda come il decreto Legge 66 obblighi la Provincia di Treviso a versare allo Stato, entro il 10 ottobre, quasi 4 milioni e 256mila e nel 2015 ulteriori 6 milioni 383 mila. “Se si vuole fare davvero prevenzione – afferma l'esponente leghista - , il Governo ci consenta di impiegare direttamente queste risorse per il territorio, subito, destinando a questo scopo i tagli e svincolandoli dal patto di stabilità. I cantieri potrebbero partire già domani”. “Si tratta di soldi dei cittadini trevigiani – conclude Muraro - che dovrebbero restare sul nostro territorio.”