Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Il prefetto Marrosu: "Nessuna emergenza terrorismo, ma massima allerta"

PATTUGLIE MISTE TRA LE FORZE DELL'ORDINE ANCHE NEI QUARTIERI

Rafforzati i controlli congiunti anche nelle aree periferiche


TREVISO - Pattuglie congiunte di tutte le forze dell'ordine anche nei quartieri. Il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, in Prefettura, ha fatto il punto sulla situazione, anche alla luce di alcuni recenti episodi. Il prefetto Maria Augusta Marrosu ha ribadito come Treviso rimanga una città sicura e non vi siano vere e proprie emergenze. Ciò nonostante l'attenzione resta alta, anche e soprattutto in funzione preventiva: proprio per questo si è deciso di rafforzare la rete dei controlli, aumentando in particolare le operazione miste tra Polizia locale, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza. E se l'area della stazione ferroviaria, via Roma, Ponte San Martino rimane sotto stretta sorveglianza, l'attenzione delle forze dell'ordine si concentrerà anche nei rioni periferici. Il sindaco Giovanni Manildo e il questore Tommaso Cacciapaglia, massima autorità provinciale di pubblica sicurezza, con i loro collaboratori, nei prossimi giorni potrebbero compiere anche dei sopralluoghi per valutare eventuali zone più delicate.
Accolta dunque la richiesta, avanzata nei giorni scorsi da Ca' Sugana di potenziare la sinergia già esistente tra la Municipale e le altre forze di polizia: “I dati degli ultimi otto mesi, da parte di tutti gli organismi – ha sottolineato con soddisfazione il vicesindaco Roberto Grigoletto – dimostrano come sul piano della sicurezza si stiano raggiungendo buoni risultati”.
Il prefetto Marrosu ha anche rassicurato sui rischi di possibili collegamenti con il terrorismo islamico e il reclutamento jihadista: ad oggi, ha rimarcato, non c'è alcun indizio di un coinvolgimento di cittadini immigrati o convertiti, residenti nella Marca, nei combattimenti in Medio Oriente.

Galleria fotograficaGalleria fotografica