Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, resa dei conti tra genitori e bulli che chiedevano il ritiro della querela

RAGAZZINA DILEGGIATA DAL BRANCO: INTERVIENE LA POLIZIA

I genitori denunciano un giovane: pesanti offese a sfondo sessuale


TREVISO - Dileggiata pesantemente di fronte a tutti, con gli amici, definita una "poco di buono", per usare un eufemismo, e offesa con insulti a sfondo sessuale. Un vero e proprio incubo quello che sta vivendo da alcuni mesi una ragazzina di circa 15 anni, residente in un Comune dell'hinterland trevigiano: la studentessa è finita nel mirino di un gruppetto di bulli. I genitori, rendendosi conto di quanto stava avvenendo alla figlia, si sono decisi a rivolgersi alla polizia querelando uno dei “bulli”. Si tratta di un ragazzo di circa 16 anni che furente, qualche giorno fa, si è recato a casa della ragazza per parlare con i genitori, pretendendo che quella denuncia nei suoi confronti venisse ritirata. Mamma e papà però di tornare sui loro passi non ne vogliono minimamente sapere: la loro figlia sta vivendo, a causa del trattamento del "branco", una situazione sempre più difficile, di isolamento, con numerosi amici e amiche che a causa di queste "voci" si sono allontanati da lei. Vista la rigidità dei genitori il ragazzo e altri due giovani che lo avevano accompagnato hanno rincarato la dose, con offese sempre più pesanti e gratuite. Il padre, stanco degli insulti, ha deciso di chiedere l'intervento delle volanti della polizia. Neppure di fronte agli agenti però la situazione si è tranquillizzata: i ragazzi hanno continuato a apostrofare in modo indicibile la 15enne. Il gruppetto è stato quindi allontanato dagli agenti delle volanti che su questo episodio hanno aperto un'indagine per fare maggiore luce sul caso.