Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, resa dei conti tra genitori e bulli che chiedevano il ritiro della querela

RAGAZZINA DILEGGIATA DAL BRANCO: INTERVIENE LA POLIZIA

I genitori denunciano un giovane: pesanti offese a sfondo sessuale


TREVISO - Dileggiata pesantemente di fronte a tutti, con gli amici, definita una "poco di buono", per usare un eufemismo, e offesa con insulti a sfondo sessuale. Un vero e proprio incubo quello che sta vivendo da alcuni mesi una ragazzina di circa 15 anni, residente in un Comune dell'hinterland trevigiano: la studentessa è finita nel mirino di un gruppetto di bulli. I genitori, rendendosi conto di quanto stava avvenendo alla figlia, si sono decisi a rivolgersi alla polizia querelando uno dei “bulli”. Si tratta di un ragazzo di circa 16 anni che furente, qualche giorno fa, si è recato a casa della ragazza per parlare con i genitori, pretendendo che quella denuncia nei suoi confronti venisse ritirata. Mamma e papà però di tornare sui loro passi non ne vogliono minimamente sapere: la loro figlia sta vivendo, a causa del trattamento del "branco", una situazione sempre più difficile, di isolamento, con numerosi amici e amiche che a causa di queste "voci" si sono allontanati da lei. Vista la rigidità dei genitori il ragazzo e altri due giovani che lo avevano accompagnato hanno rincarato la dose, con offese sempre più pesanti e gratuite. Il padre, stanco degli insulti, ha deciso di chiedere l'intervento delle volanti della polizia. Neppure di fronte agli agenti però la situazione si è tranquillizzata: i ragazzi hanno continuato a apostrofare in modo indicibile la 15enne. Il gruppetto è stato quindi allontanato dagli agenti delle volanti che su questo episodio hanno aperto un'indagine per fare maggiore luce sul caso.