Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per lui la frattura di una caviglia, era con sette amici, scendeva lungo il Rio Maggiore

PONTE NELLE ALPI: 37ENNE SALVATO DAL SOCCORSO ALPINO

L'uomo, di Sernaglia, rimane incastrato tra i sanni di un torrente


PONTE NELLE ALPI - Mentre scendeva lungo la gola del Rio Maggiore, sotto località Cornolade a Ponte nelle Alpi, con altri sette amici, un torrentista trevigiano si è infortunato a una caviglia. Durante un tratto di camminata nell'acqua, infatti, un centinaio di metri dopo la cascata più alta, un piede gli è rimasto incastrato tra i sassi, causando a M.B., 37 anni, di Sernaglia della Battaglia, una probabile frattura. Uno dei suoi compagni è quindi uscito dalla forra e ha chiamato il 118, attorno alle 11.20. Una squadra del Soccorso alpino di Longarone, con tre operatori di forra, e una di Belluno, hanno raggiunto il luogo dell'incidente, avvicinandosi dal sentiero laterale e poi scendendo la scarpata sulla verticale al gruppo. Prestate le prime cure all'uomo, i soccorritori lo hanno imbarellato e, dopo essere avanzati fino a un punto più comodo per il recupero, lo hanno sollevato per contrappeso, per poi trasportalo fino alla strada e affidarlo all'ambulanza diretta all'ospedale di Belluno. Sul posto anche i vigili del fuoco.