Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il curatore: "A breve il sì o il no, progetto che coinvolgerà tutta la provincia"

RITORNO DI GOLDIN A TREVISO: ENTRO 10 GIORNI LA DECISIONE

Restano da definire i lavori per gli impianti di Santa Caterina


TREVISO - Quasi fatta per il ritorno di Marco Goldin a Treviso. Entro una decina di giorni al massimo verranno sciolte le ultime riserve per la realizzazione di una grande mostra, dedicata all'arte tra Ottocento e Novecento e organizzata proprio dal curatore ed imprenditore trevigiano. Il principale dubbio che ancora rimane è legato al complesso di Santa Caterina: sarebbe infatti, l'ex convento, oggi museo, il luogo deputato ad ospitare la rassegna, ma la struttura abbisogna di una serie di lavori per adeguare gli impianti di illuminazione, climatizzazione e d'allarme, per ospitare i capolavori in arrivo. A confermarlo è lo stesso Goldin, al termine di una riunione in materia con i vertici dell'amministrazione comunale tenutasi in municipio.
Il Comune ha già richiesto ad alcune ditte specializzate i preventivi degli adeguamenti necessari, anche in base alle indicazioni del critico. L'amministrazione è impegnata al massimo per riportare in città l'artefice delle indimenticate mostre sugli Impressionisti, assicura l'assessore Paolo Camolei.
Definito ormai anche il budget dell'operazione. Goldin stesso ha già spiegato che. come in altre rassegne, la maggior parte dei costi, circa il 60%, verrà sostenuto dalla sua società Linea d'Ombra e da alcuni sponsor, mentre il restante – una cifra secondo alcune voci vicina al milione di euro – dovrebbe essere coperta da associazioni di categoria ed enti locali. Il progetto del curatore, tuttavia, non è limitato al solo capoluogo: attraverso una serie di eventi ed esposizioni collaterali coinvolgerebbe buona parte della provincia, comprendendo anche, ad esempio, il rinnovato palazzo Sarcinelli a Conegliano, dove da poco sono stati risistemati nuovi spazi e che tra l'altro, proprio Goldin aveva gestito all'inizio della carriera.