Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sentenza nel pomeriggio, la Procura aveva chiesto una pena di 4 anni e 6 mesi

CASA A LUCI ROSSE IN CENTRO: CONDANNATA BRUNA ZANDONĄ

Un anno e 6 mesi per la maitresse finita nel mirino de "Le Iene"


TREVISO - Bruna Zandonà, la maitresse 64enne di Sacile che per anni ha gestito una casa a luci rosse nel cuore del centro storico, in via Sant'Agostino a Treviso, è stata condannata nel pomeriggio di oggi, al termine del processo di primo grado, ad un anno e sei mesi di reclusione dal collegio del giudici composto da Piera De Stefani, Marco Biagetti e Michele Vitale. Il pm Iuri De Biasi aveva chiesto al colleggio dei giudici una condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione. A Bruna Zandonà, difesa dall'avvocato Stefano Pietrobon, sono state riconosciute le attenuanti generiche e la continuazione con il precedente patteggiamento a 2 anni accordato nel 2004. La 64enne era finita nei guai in seguito ad un servizio televisivo andato in onda il 14 aprile 2010 nel corso della trasmissione televisiva "Le Iene", su Italia Uno.