Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per appropriazione indebita un portiere di notte residente nell'opitergino

FA SPARIRE DALL'ALBERGO 15 MILA EURO TRA VINO E LIQUORI: IN AULA

A smascherarlo è stata la moglie dopo che i due si stavano separando


ODERZO – (gp) Sfruttando la sua posizione di portiere notturno in un albergo di Oderzo, con annesso ristorante, avrebbe fatto sparire cartoni di liquori e di vino pregiati (320 bottiglie in tutto per un valore di 15 mila euro). Un'operazione che si sarebbe protratta nel tempo proprio per non dare nell'occhio. Il titolare della struttura, nonché datore di lavoro dell'imputato, finito a processo per rispondere del reato di appropriazione indebita, si accorse dell'ammanco soltanto il 31 dicembre 2012 quando venne fatto l'inventario per la serata di capodanno. Un ammanco considerevole che il titolare dell'albergo non sapeva a chi imputare. A smascherare il 41enne è stata qualche settimana più tardi la moglie, ormai ex. In fase di separazione infatti, la donna avrebbe trovato quei cartoni di vino e liquori in casa e avrebbe informato il titolare dell'albergo di quella “strana presenza”. Forse inconsapevolmente, o forse proprio per ripicca, la donna fornì le prove per far scoprire l'ex marito, il quale venne raggiunto da una denincia a piede libero per appropriazione indebita. Difeso dall'avvocato Mario Nordio, l'uomo è così finito a processo.