Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via uno studio complessivo della rete idrica per individure gli interventi necessari

EMERGENZA PIOGGIA: C'È LA SQUADRA ANTI-ALLAGAMENTI

Il Comune pensa ad una task force per limitare i danni dei temporali


TREVISO - Un gruppo di pronto intervento che entri in azione alle prime gocce di pioggia e metta in atto le misure di emergenza per limitare al minimo gli allagamenti. Lunedì pomeriggio l'ennesimo nubifragio e, ancora una volta, sono finiti sott'acqua diversi quartieri della città, da Santa Bona a San Giuseppe, oltre a numerosi comuni della cintura urbana. Difficile contrastare temporali e grandinate sempre più frequenti, violenti ed improvvisi: “In un'ora e mezza sono caduti 65 millimetri di pioggia, quanti di norma ne cadono in venti giorni”, ammette l'assessore ai Lavori pubblici di Treviso, Ofelio Michielan. Ci sono però dei provvedimenti, che se attuati subito, possono evitare danni peggiori nelle sette, otto zone a maggior rischio. Ad esempio posizionando sacchetti di sabbia agli ingressi di abitazioni o scantinati soggetti ad allagamento o ancora bloccando il traffico in certe vie, prima che diventino impraticabili. Per questo l'assessore Michielan sta cercando di organizzare una task force, di cui facciano parte addetti del Comune, della protezione civile, dei vigili del fuoco e di altri enti interessati, compreso il 51° Stormo di Istrana, per fornire dettagliati bollettini meteo.
In parallelo, l'amministrazione vuole far redigere un'articolata analisi sulla rete idrica della città, ormai insufficiente a reggere le aumentate precipitazioni. Lo scopo è individuare le aree più critiche, definire quali interventi siano necessari e valutare gli investimenti conseguenti. Lo studio verrà affidato a un pool di professionisti esterni, costerà circa 150-200 mila euro e dovrebbe essere completato entro il 2015. Un primo cantiere, comunque, è già stato fissato e dovrebbe partire entro i primi mesi dell'anno prossimo: si tratta del posizionamento di una condotta sotto il Terraglio e il cimitero di San Lazzaro, per scaricare le acque piovane nel Sile. L'opera dovrebbe così ridurre gli allagamenti nella zona della Ghirada. Costo previsto, circa 600mila euro. Inoltre verranno anche le pompe per prosciugare i ristagni all'interno del sottopasso di via Sarpi, sistematicamente inagibili ad ogni acquazzone. Ma l'assessore invita anche i cittadini che abbiano subito danni a segnalare tempestivamente l'accaduto al Comune: le eventuali richieste di risarcimenti, infatti, vanno inviate in Regione entro mezzogiorno del giorno succcessivo all'evento.

Galleria fotograficaGalleria fotografica