Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Disposto il non luogo a procedere per il 42enne accusato di violenza sessuale

STUDENTESSE TOCCATE IN AUTOBUS: IL GIUDICE "GRAZIA" IL MOLESTATORE

Un deficit cognitivo e psicologico non permette che venga processato


TREVISO – (gp) Non luogo a procedere a causa di un deficit cognitivo e psicologico. E' questo l'esito dell'udienza preliminare che vedeva imputato un 42enne trevigiano chiamato a rispondere dell'accusa di violenza sessuale ribattezzato il “molestatore delle studentesse”. Dopo un weekend passato in cella, l'uomo era tornato completamente libero il 10 febbraio scorso al termine dell'interrogatorio di convalida dell'arresto durante il quale aveva ammesso di aver sfiorato il sedere di una ragazza in una sola occasione, respingendo con forza però i dieci episodi di violenza sessuale che gli venivano contestati dalla Procura di Treviso. Stando alle accuse, l'uomo saliva sugli autobus frequentati da studenti e studentesse (soprattutto lungo la linea 6 che collega Treviso a Quinto) e poi approfittava della calca per palpeggiare le ragazzine dirette nei vari istituti di Treviso. Sorpreso in flagranza di reato dopo una serie di segnalazioni da parte delle vittime, venne arrestato dai carabinieri di Treviso. Una decina, come detto, le denunce presentate all'Arma tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 che aveva così avviato le indagini piazzandomilitari in borghese sugli autobus, soprattutto nelle ore di maggior affluenza di studenti. Dopo una serie di accertamenti, i militari avevano puntato l'attenzione sul 42enne che era stato pedinato, fotografato e filmato nella serie di comportamenti ritenuti molesti. Immagini inserite nel fascicolo di indagine e che hanno portato all'arresto dell'uomo dopo l'ultimo, secondo l'accusa, palpeggiamento ai danni di una minore.