Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Quasi 500 persone alla vendita all'incanto dei beni delle aziende del gruppo

ASTA COMPIANO: PIU' DEI PORNO PIACCIONO LE AFFETTRATRICI

Macchinario battuto a 6.800 euro, per i video offerta in busta chiusa


SILEA - Tutti venduti gli oggetti delle aziende di Luigi Compiano battuti all'asta. Si tratta di una parte dei beni confiscati negli uffici dell'ex patron dell'impero della vigilanza privata e venduti all'incanto per recuperare fondi, nell'ambito dell'amministrazione straordinaria della North East Services e della Autocom, due delle società del gruppo. Grande affollamento per l'asta: oltre cinquecento persone sono arrivate nel pomeriggio all'Istituto vendite giudiziarie di Silea. Molta curiosità soprattutto per gli oltre duemila dvd e videocassette porno, testimoniata anche dalle numerose telefonate giunte nei giorni scorsi all'Ivg, come hanno spiegato gli stessi responsabili. In realtà, il materiale è stato aggiudicato con un'offerta giunta in busta chiusa: un primo lotto con 2.187 video osè, più due scatoloni di sex toys è stato acquisito a mille euro, un secondo, con 31 pezzi, a 550 euro. Molto più combattuta l'asta per le dodici affettatrici, in gran parte della prestigiosa marca Berkel: i collezionisti se le sono contese a suon di rilanci. Un raro modello color panna degli anni '60 è stato venduto a 6.800, un altro esemplare con ripiani in marmo a 5.800. Un gruppo di amici appassionati si è aggiudicato per 6.800 euro il lotto con 469 modellini di auto. Discreto rialzo anche per i due lotti comprendenti diverse decine di oggetti vari: hanno superato entrambi i 4mila euro di valore di aggiudicazione.
Non solo l'asta. Luigi Compiano aveva un altro appuntamento, molto più delicato. Di fronte al giudice Michele Vitale si doveva celebrare infatti la seconda udienza del processo che lo vede imputato di un'evasione fiscale per una cifra che sfiora i 14 milioni di euro. Procedimento penale che è stato però rinviato a metà dicembre in attesa che venga sancito il vincitore della querelle tra la Procura di Treviso e il commissario straordinario Sante Casonato. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, a Luigi Compiano viene contestato di non aver versato l'Iva e i le imposte relative ai contributi dei propri dipendenti per un totale di poco inferiore ai 14 milioni di euro tra il 2011 e il 2013 (12,8 milioni di euro per quanto riguarda la Nes, quasi 1,2 milioni per la Vigilanza Compiano). Un buco che per gli inquirenti dovrebbe essere ripianato con il materiale messo sotto sequestro al patron della North East Services. Sul piatto infatti ci sono le circa 200 auto sequestrate per equivalente a Compiano, proprio per coprire il buco con l'erario. Il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, ha intenzione di chiederne la confisca per permettere allo Stato di incassare almeno parte delle imposte non versate mentre Sante Casonato ne chiede il dissequestro e la restituzione per poterle mettere all'asta e così ripianare il buco di 104 milioni di euro dell'inchiesta principale, nella quale Compiano è indagato per appropriazione indebita aggravata.