Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nove giovanissimi alla sbarra erano accusati di detenzione di sostanze stupefacenti

SPINELLO DI GRUPPO: IL TRIBUNALE NE CONDANNA QUATTRO, 5 ASSOLTI

I legali delle difese hanno già annunciato ricorso in appello


TREVISO - (gp) Rischiavano pene comprese tra uno e due anni, come richiesto dal pm Francesca Torri, titolare del fascicolo, ma il processo a carico di 9 giovanissimi finiti in aula per essersi ritrovati spesso insieme per consumare droga, ma secondo l'accusa anche anche per venderla - almeno in alcuni casi - agli amici, alcuni dei quali minorenni, si è chiuso con cinque assoluzioni piene e quattro condanne con sospensione condizionale della pena. Nel dettaglio sono stati scagionati da ogni accusa D.D.L., 25 anni di Paese assistito dall'avvocato Marco Furlan, T. e N. Z., 29 e 23 anni di Treviso difesi dall'avvocato Stefania Bertoldi, G.D., 20 anni di Paese difeso dall'avvocato Paola Miotti, ed E.R., 33 anni di Casier difeso dall'avvocato Paola Turri. Diminuendo non poco le richieste del pm, i giudici del tribunale di Treviso hanno condannato (con pena sospesa) a 9 mesi di reclusione L.M., 21 anni di Paese difeso dall'avvocato Davide Favotto, e M.B., 21 anni di Quinto di Treviso difeso dall'avvocato Silvano Darugna, a 7 mesi di reclusione F.B., 23 anni di Castagnole, e a 4 mesi e 15 giorni M.G.,  22 anni di Paese, difesi entrambi dall'avvocato Chiara Mazzoccato. Inizialmente nell'inchiesta erano finiti in 13, ma quattro ragazzi avevano già definito la propria posizione patteggiando di fronte al gup Elena Rossi pene variabili tra i due e i dieci mesi di reclusione, ottenendo anche loro la sospensione condizionale della pena in quanto incensurati. Le difese, che hanno sempre puntato comunque a dimostrare che non si è mai trattato di attività di spaccio ma al massimo di consumo di gruppo di sostanze stupefacenti, hanno già annunciato che presenteranno ricorso in appello.