Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Nelle farmacie misurazione gratuita di colesterolo, glicemia e pressione

NELLA MARCA QUASI 2 INFARTI AL GIORNO, IL 97% DI CHI ARRIVA IN OSPEDALE SI SALVA

Lunedì la campagna di prevenzione nella Giornata mondiale del cuore


TREVISO - Ogni anno nella Marca circa 500 persone arrivano in ospedale con un infarto acuto: il 97% viene salvato e può rapidamente riprendere la propria vita. A questi, vanno aggiunti altri 200 pazienti circa che non riescono a raggiungere una struttura attrezzata o lo fanno solo con forte ritardo: in questo caso, il tasso di mortalità sale al 30%. Le malattie cardio-vascolari restano la prima causa di morte, nonostante negli ultimi trent'anni le tecnologie medico-chirurgiche e le terapie abbiano fatto passi da gigante, ineguagliabili per qualsiasi altra branca della medicina. Non solo sono aumentate in modo esponenziale le percentuali di successo negli interventi, ma tecniche sempre meno invasive e apparecchiature sempre più miniaturizzate consentono di recuperare una qualità della vita eccellente. Al di là della predisposizione genetica, spiega Carlo Cernetti, primario di Cardiologia dell'Ospedale di Castelfranco, resta comunque fondamentale la prevenzione con uno stile di vita sano: alimentazione basata sulla dieta mediterranea (verdura, frutta, carne bianca e pesce, limitato consumo di carni rosse e grassi animali, dolci e alcolici), abolizione del fumo, adeguata attività fisica. Proprio per sensibilizzare la popolazione, lunedì 29 settembre, anche nella Marca, si terrà la Giornata mondiale del cuore.
Se trattato entro tre ore, oggi l'infarto consente un recupero ottimale. Proprio per questo in Veneto è stata creata una rete di emergenza- urgenza in grado di intervenire in tempi rapidissimi: il personale del 118, giunto dal possibile infartuato effettua un elettrocardiogramma, che viene teletrasmesso ad una delle strutture abilitate; se la diagnosi è confermata, il paziente, senza neppure transitare per il Pronto soccorso, viene portato direttamente in sala operatoria, dove lo attende un'equipe specializzata, disponibile 24 ore su 24 ore, 365 giorni all'anno. Nella Marca della rete fanno parte gli ospedali di Castelfranco, Treviso e Conegliano (che coprono anche parte della provincia di Belluno). In occasione della giornata del cuore, le 206 farmacie trevigiane e padovane di Farmacie unite, in collaborazione con l'Ordine provinciale dei farmacisti, come ricorda il presidente Franco Gariboldi Muschietti, offriranno gratuitamente una valutazione di alcuni fattori di rischio per l'infarto: dalla misurazione della pressione a quella della glicemia e del colesterolo o del peso corporeo.