Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, festa del Treviso Comic Book Festival finisce male, sul posto la polizia

CEDE LA PASSERELLA DEL BARCONE SUL SILE: 18 GIOVANI IN ACQUA

Paura sabato sera, giallo su una ragazza dispersa che era già a casa



TREVISO
- (NC) Quella in programma sul barcone ormeggiato in via Alzaia lungo il fiume Sile doveva essere una festa in grande stile, organizzata nell'ambito del Treviso Comic Book Festival: si è trasformata in una serata da incubo per i partecipanti. Poco dopo le 23 la passerella di collegamento tra la banchina e l'imbarcazione ha infatti ceduto sotto il peso di alcuni che stavano arrivando alla festa facendo finire in acqua 18 ragazzi. Tra questi anche una ragazza (Silvia Costa il suo nome) che era stata data inizialmente per dispersa e che invece aveva raggiunto subito la riva ed era poi corsa verso la sua abitazione, senza però avvertire nessuno e spegnendo il cellulare. Le persone finite in acqua sono state recuperate immediatamente da chi si trovava sul barcone e a riva. Sono stati momenti di grande tensione e choc per i "naufraghi": il locale ha nel frattempo spento la musica e interrotto la somministrazione di alcool. Sul posto sono state impegnate a lungo le volanti della polizia, i vigili del fuoco e i paramedici del Suem118 per assistere i ragazzi che erano finiti in acqua, alcuni con chiari sintomi da ipotermia e soccorsi con le coperte termiche. Nel frattempo decine di partecipanti al party sono rimasti bloccati all'interno del barcone, in attesa che venisse predisposta nuovamente una passerella che permesse loro di tornare a terra: si conteranno, durante le operazioni di evacuazione del barcone, circa 300 persone presenti (a fronte di 100 consentiti). La situazione è tornata alla normalità solo dopo l'una. Sull'episodio sarà aperta un'indagine; appare a questo punto scontata una dura punizione da parte della Questura nei confronti del gestore del locale galleggiante.