Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, appostamento della polizia a casa della madre, sequestrati pc e documenti

IDENTIFICATO IL RE DELLE TRUFFE ON LINE: È UN 36ENNE TREVIGIANO

Decine di raggiri fruttati oltre 50mila euro, fingeva di vivere all'estero


TREVISO - Era diventato un vero e proprio re delle truffe on line: pubblicava annunci su portali come Subito.it o E-Bay con cui proponeva agli acquirenti oggetti tecnologici di ultima generazione come pc, telefonini e tablet, incassava il denaro (solitamente via Postepay) e poi spariva nel nulla, senza recapitare la merce. Sono centinaia le truffe messe a segno con questa tecnica da un 36enne trevigiano che è stato finalmente identificato e denunciato dalla polizia postale di Treviso. L'uomo, negli anni, sarebbe riuscito ad incassare con questa sua attività criminale oltre 50mila euro riuscendo quasi sempre però a sfuggire alla giustizia. Il 36enne ìnfatti fingeva di vivere all'estero e si era reso irreperibile a tutte le notifiche degli atti giudiziari a suo carico. La polizia postale è riuscita ad identificarlo sono dopo un lungo appostamento nei pressi dell'abitazione della madre che lui usava come base per le truffe on line. Gli agenti hanno sequestrato presso la sua abitazione dei pc e numeroso materiale informatico, ora al vaglio degli investigatori, oltre a centinaia di ricevute che attestavano l'avvenuto pagamento dei prezzi convenuti con gli acquirenti truffati. Ora la indagini della polizia postale proseguono: ci sarebbero altre decine di sventurati clienti.