Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le accuse: associazione per delinquere finalizzata alla frode assicurativa

MAXI-TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI: RINVIATE A GIUDIZIO 37 PERSONE

Un giro d'affari da oltre 20 milioni di euro per la banda di nigeriani


TREVISO – (gp) Sono stati necessari quasi tre anni di indagini e altrettanti per ricostruire i fatti e arrivare a spedire i presunti responsabili a processo per una maxi truffa alle assicurazioni da oltre 20 milioni di euro. Il primo verdetto pronunciato dal gup Umberto Donà riguarda il rinvio a giudizio di 37 persone, tutte di origini nigeriane, e lo stralcio di altri 5 loro connazionali che al momento sono irreperibili, in modo da bloccare i termini della prescrizione e confidare di scovarli per mandarli di fronte al giudice. Il processo, chiesto dal pm Valeria Sanzari, titolare del fascicolo aperto dall'allora procuratore capo Antonio Fojadelli, inizierà a maggio. Tutti sono chiamati a rispondere del reato di associazione a delinquere finalizzata alla frode e alla truffa ai danni delle assicurazioni. L'indagine, condotta dalla Squadra Mobile di Treviso, aveva portato all'arresto di 24 persone (tra custodie cautelari in carcere e arresti domiciliari) e alla denuncia a piede libero di 480 complici che facevano le “comparse” negli incidenti stradali e poi chiedevano soldi per presunti danni fisici subiti. Circa 500 i sinistri inscenati dalla banda, un centinaio quelli avvenuti fuori provincia per cui procederanno le Procure competenti. L'organizzazione aveva base a Treviso ma col tempo ha portato la propria attività delittuosa in tutto il Veneto, sforando i confini regionali per arrivare in Emilia Romagna e nelle Marche. Cifre stratosferiche quelle scoperte dagli inquirenti: 13 milioni 500 mila spillati alle assicurazioni, altri 6 milioni e 700 mila di consulenze e rivalse Inail, e 600 mila per la sanità (ambulanze, visite mediche e radiografie). Le vittime, "responsabili" degli incidenti, hanno invece sborsato 585 mila per le spese di riparazione della loro auto, a cui vanno aggiunti l'aumento del bonus malus e dei premi assicurativi. Il sistema era semplice: i nigeriani, assieme ai complici che viaggiavano nelle stesse auto, provocavano incidenti ad arte, ad esempio facendosi tamponare. Poi, definite le pratiche per le assicurazioni, arrivavano le richieste di indennizzo da parte dei passeggeri, tutti finiti al pronto soccorso con colpi di frusta, stiramenti, mal di testa e contusioni varie.