Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Disposti invece gli arresti domiciliari per il 36enne di Spresiano Marco Bortoluzzi

FATTURE FALSE PER 25 MLN DI EURO: IN CARCERE IL PILOTA FABIO VALLE

Maxi indagine della Gdf: indagati anche Wilma Rizzo e Manolo Biz



TREVISO
– (gp) Un giro di fatture false per operazioni inesistenti da 25 milioni di euro per un'Iva non versata da quasi 5 milioni. In sintesi sono le accuse che hanno portato in carcere l'ex pilota Fabio Valle, 52enne di origini vittoriesi ma residente a Villorba, e agli arresti domiciliari Marco Bortoluzzi, 36enne montebellunese residente a Spresiano. L'indagine della Guardia di Finanza di Treviso, coordinata dal sostituto procuratore Iuri De Biasi, titolare del fascicolo, ha portato anche all'iscrizione nel registro degli indagati di Wilma Rizzo, la madre 85enne di Valle, e di Manolo Biz, 37enne pordenonese di Cordenons e attualmente residente a Barcellona. Proprio dalla Spagna sarebbero giunte le decisive segnalazioni delle autorità competenti in materia di antiriciclaggio per chiudere il cerchio dei complessi accertamenti finanziari effettuati dalle Fiamme Gialle, sfociati nell'esecuzione delle due misure di custodia cautelare firmate dal gip trevigiano Silvio Maras. Nel mirino degli inquirenti sono finite le società di Fabio Valle “Blusteel srl”, “Mobile Products srl” e “O.M.B. Srl”, di cui risulta amministratore di fatto. L'amministratrice di diritto, e quindi legale rappresentante, sarebbe invece stata la madre, Wilma Rizzo, che secondo quanto sostenuto dalla Procura di Treviso avrebbe ruoli amministrativi di vertice in ben 14 società. Il ruolo di Manolo Biz, parente di Valle e della Rizzo sarebbe stato quello di utilizzare la sua società spagnola, la “Ustari Extens SL” con sede a Barcellona che risulta cancellata dal 2008, per emettere le fatture false. In più, una volta ricevuti i bonifici sul suo conto dalla Blusteel, avrebbe materialmente prelevato le intere somme versate trattenendosi 1.500 euro per ogni operazione prima di consegnare i contanti a Valle. Circostanze confermate dall'ex moglie di Valle in fase di indagini: la donna, che fu dipendente della “Mobile Products srl”, avrebbe riferito espressamente dell'esistenza di falsi contratti tra la società di Villorba e quella spagnola di Biz relativi al noleggio di macchinari con la conseguente emissione di fatture fittizie. Marco Bortoluzzi invece, titolare della omonima società “BM di Bortoluzzi Marco”, oltre a non aver mai presentato dichiarazioni dei redditi e Iva dal 2 marzo 2009 (giorno di inizio attività della ditta), non aver mai versato imposte all'erario e a non aver avuto dipendenti dal 2011, secondo la Procura avrebbe anche lui emesso fatture per operazioni inesistenti in favore della Blusteel, risultandone peraltro dipendente dall'aprile 2013. Fatto che, secondo gli inquirenti, denota come la sua società risulti di fatto inesistente.