Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due 50enni denunciati per ricettazione dai Carabinieri

RUBATA MEZZA TONNELLATA DI CAVI ELETTRICI DALL'EX FABBRICA DEI TRENI

Furto alla Fervet di Castelfranco: sottratti anche 269 pezzi in acciaio


CASTELFRANCO VENETO - Tornano in azione i ladri di rame. I carabinieri del Nucleo operativo di Castelfranco hanno individuato e denunciato per concorso in ricettazione due 50enni, residenti nella Castellana. I due sono stati trovati in possesso di 440 chilogrammi di cavi elettrici e di 269 tra raccordi e puntali in acciaio, utilizzati per la costruzione di carrozze ferroviarie. Il materiale, infatti, erano stato sottratto dai depositi della Fervet, storica industria di Castelfranco specilaizzata proprio nella fabbricazione di vagoni ferroviari e da alcuni anni chiusa. La refurtiva, del valore complessivo di circa 5mila euro, è stata sequestrata e per i due uomini è scattata la denuncia.