Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lorenzon: "Recenti episodi mostrano che non è un fiume tranquillo"

ANCHE IL SILE SOTTO CONTROLLO PER IL RISCHIO ESONDAZIONI

Vertice in Prefettura: si punta su manutenzione e gestione delle chuse


TREVISO - Anche il Sile a rischio di straripamenti e perciò da tenere sotto stretta sorveglianza. Per questo alla situazione idrogeologica, del fiume trevigiano è stato dedicato uno specifico vertice in Prefettura, riunendo tutti i vari soggetti coinvolti: Provincia, consorzi di bonifica, Genio civile, forze dell'ordine, Esercito, vigili del fuoco ed una quindicina di comuni rivieraschi. Due le linee d'azione su cui si insisterà: una manutenzione puntuale e continua delle sponde e del letto, per evitare accumuli di materiali che possano contribuire a formare sbarramenti in caso di aumenti della portata a causa delle precipitazioni. In secondo luogo, è necessario una maggiore tempestività e un maggior coordinamento nella gestione delle diverse chiuse presenti lungo il corso del fiume, ad esempio in prossimità della centrali idroelettriche. Se il quadrante più a rischio rimane quello tra Piave, Livenza e Monticano, l'assessore provinciale alla Protezione civile, Mirco Lorenzon, respinge il luogo comune secondo cui il Sile sia un corso d'acqua del tutto inoffensivo e cita i recenti esempi di aree allagate anche a causa di esondazioni negli scorsi mesi estivi.
A preoccupare, dopo l'estate straordinariamente piovosa, è soprattutto il livello di guardia delle falde e, oltre ai corsi maggiori, soprattutto la rete diffusa di canali e fossati minori, ormai insufficiente a smaltire acquazzoni sempre più violenti, improvvisi e ravvicinati. Un prossimo incontro sarà invece dedicato all'emergenza frane, in aumento soprattutto nell'Alta Marca.