Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Cherv˛ il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/237: L'OPEN D'ITALIA DEI CAMPIONI PARALIMPICI

Lo svedese Joakim Bj÷rkman si conferma imbattibile


CREMA - Sotto l’egida di EDGA (European Disabled Golf Association), si è giocata a Crema la 18esima edizione del torneo italiano per giocatori disabili, aperta a tutte le tipologie di disabilità. Il torneo, appena concluso, si è giocato sulla distanza di trentasei buche,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, sul posto polizia e medici dell'Ulls9, preallarmati gli operatori del Suem118

"MALATI DI EBOLA SUL VOLO PER LONDRA": ALLARME AL CANOVA

Telefonata anonima blocca per oltre un'ora il velivolo sulla pista


TREVISO - “Attenzione, su quell’aereo da Treviso per Londra ci sono due nordafricani malati di ebola”: di questo tenore una telefonata anonima giunta stamani presso la sede del Gazzettino di Venezia e che ha portato, a bloccare nella pista dell'aeroporto "Canova" un aereo Ryanair diretto a Londra Stansted che doveva partire alle 9.50. Sul posto, oltre alla polizia, sono intervenuti i medici del settore infettivo epidemiologico dell'Ulss9. Preallarmato anche il Suem118. Dopo un'ora di accertamenti su una decina di passeggeri che si trovavano all'imbarco, l'allarme è fortunatamente rientrato. Si è trattato dell'ennesimo falso allarme che segue di poche settimane la telefonata di un anonimo "bombarolo" che aveva annunciato via telefono la presenza di un ordigno a bordo di un velivolo: l'autore della “bufala” rischia, qualora fosse identificato, una denuncia per procurato allarme.