Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, sul posto polizia e medici dell'Ulls9, preallarmati gli operatori del Suem118

"MALATI DI EBOLA SUL VOLO PER LONDRA": ALLARME AL CANOVA

Telefonata anonima blocca per oltre un'ora il velivolo sulla pista


TREVISO - “Attenzione, su quell’aereo da Treviso per Londra ci sono due nordafricani malati di ebola”: di questo tenore una telefonata anonima giunta stamani presso la sede del Gazzettino di Venezia e che ha portato, a bloccare nella pista dell'aeroporto "Canova" un aereo Ryanair diretto a Londra Stansted che doveva partire alle 9.50. Sul posto, oltre alla polizia, sono intervenuti i medici del settore infettivo epidemiologico dell'Ulss9. Preallarmato anche il Suem118. Dopo un'ora di accertamenti su una decina di passeggeri che si trovavano all'imbarco, l'allarme è fortunatamente rientrato. Si è trattato dell'ennesimo falso allarme che segue di poche settimane la telefonata di un anonimo "bombarolo" che aveva annunciato via telefono la presenza di un ordigno a bordo di un velivolo: l'autore della “bufala” rischia, qualora fosse identificato, una denuncia per procurato allarme.