Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 53enne di Quinto di Treviso giudicato colpevole del reato di procurato allarme

ANNUNCIA IL SUICIDIO MA ERA UN PESCE D'APRILE: CONDANNATO

Ha rimediato 15 giorni di arresto, convertiti in 3750 euro di ammenda


QUINTO DI TREVISO – (gp) Un “pesce d'aprile” in cui annunciava l'intenzione di suicidarsi è costato carissimo a un 53enne di Quinto di Treviso. Finito a processo per rispondere del reato di procurato allarme, l'uomo è stato condannato a 15 giorni di arresto convertiti dal giudice in 3.750 euro di ammenda. Poteva andare molto peggio visto che il pm, al termine della requisitoria, aveva ipotizzato una pena finale di due mesi di arresto che si sarebbero tradotti in una multa da 15 mila euro. A conti fatti è andata tutto sommato bene all'imputato, che il primo aprile del 2013, che l'anno scorso coincideva con il lunedì di Pasquetta, alle 8 del mattino aveva pensato bene di chiamare i vigili del fuoco annunciando che si sarebbe tolto la vita gettandosi nel Sile a Quinto di Treviso. Uno scherzo di pessimo gusto che ha fatto scattare subito le ricerche di quel fantomatico suicida. Il territorio di Quinto è stato passato al setaccio dai carabinieri della stazione di Zero Branco i quali, dopo aver analizzato i tabulati telefonici, avevano rintracciato l'aspirante suicida che stava tranquillamente facendo colazione al bar. Il 53enne aveva inizialmente cercato di fare "lo gnorri" ma poi, messo alle strette, aveva dovuto ammettere le proprie responsabilità costringendo i militari a denunciarlo per procurato allarme.