Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, dal Comune 150mila euro di incentivi anti inquinamento

DAL 3 NOVEMBRE SCATTA LO STOP AGLI AUTOMEZZI NON EURO 3

Deroge per over 65 e chi accompagna bimbi all'asilo o a scuola


TREVISO - Limitazioni alle auto più inquinanti e incentivi per promuovere comportamenti più ecosostenibili. E' la doppia strategia messa a punto dal Comune contro lo smog, sintetizzata nell'apposita ordinanza approvata oggi dalla giunta. Dal 3 novembre gli automezzi a benzina o gasolio con motori Euro 0, 1 e 2 (in sostanza quelli prodotti fino alla fine del 2000) non potranno circolare su tutto il territorio comunale, tranne la Tangenziale, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12 e dalle 14.30 alle 17.30: rispetto all'anno scorso, dunque, il blocco terminerà mezz'ora prima. Il provvedimento resterà in vigore fino al 5 dicembre, dopo la pausa delle festività natalizie, riprenderà il 12 gennaio 2015, per concludersi definitivamente il 30 aprile. Lo stop non si applicherà il martedì mattina, in occasione del mercato settimanale, e il 17 febbraio, martedì grasso, per consentire la tradizionale sfilata dei carri di carnevale. Nei divieti sono compresi anche i ciclomotori e i motocicli a due tempi, non catalizzati e immatricolati prima del gennaio 2000.
Le deroghe rimangono sostanzialmente invariate rispetto alla precedente edizione (su tutti veicoli a gas o metano, chi non ha alternative per ragioni di lavoro o per raggiungere il luogo di lavoro, veicoli con almeno tre persone a bordo nei tragitti da e per scuola, lavoro, strutture sportive). Due le principali novità: auto guidate da persone che abbiano compiuto 65 anni e quelle di chi trasporta bambini da e per l'asilo nido, la scuola materna o elementare, nella mezz'ora prima o dopo l'inizio e la fine dell'orario scolastico.

Da Ca' Sugana 150mila euro di incentivi

Ca' Sugana ha predisposto volantini ed un'apposita sezione del proprio sito internet con le informazioni più comuni, comprese le indicazioni per capire a quale categoria appartenga la propria vettura: per chi volesse ulteriori delucidazioni, oltre al numero verde 800732233, è stata attivata anche una mail specifica : respiromeglio@comune.treviso.it. L'amministrazione, però, ha stanziato anche 150mila per varie iniziative a favore di una riduzione dell'inquinamento atmosferico: oltre a 40mila euro per piantare alberi e arbusti nei giardini, 50mila saranno destinati a contributi per chi acquista un'auto euro 6, installa un motore a gas o compra una bicicletta elettrica; altri 10mila finanzieranno le termografie gratuite per individuare eventuali “fughe” di calore nelle abitazioni e, infine, altri 50mila per sostituire le caldaie.
Per dare il buon esempio, i messi comunali si muoveranno con due motorini elettrici: la ditta che si è aggiudicata l'appalto, fornirà al comune, in comodato, anche due biciclette elettriche.