Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nessun rischio idrogeologico: "Anzi il territorio ne beneficerà"

GRUPPI ANTI-PEDEMONTANA? "SOLO UNA PICCOLA MINORANZA"

Il commissario straordinario Vernizzi ridimensiona le proteste


TREVISO - Gli anti-Pedemontana? Una sparuta minoranza. A dirlo è Silvano Vernizzi, commissario straordinario per l'infrastruttura, all'indomani della manifestazione di protesta inscenata da esponenti dei comitati alla consegna dei lavori per la tratta trevigiana dalla superstrada, ieri a Caselle di Altivole. “Mi dicono che c'era una settantina di persone: la Pedemontana attraversa 36 comuni, vuol dire un paio di oppositori a comune”, minimizza Vernizzi.
Il commissario sottolinea anche come sulla vendita dei terreni nell'80% dei casi sia stato raggiunto un accordo bonario, mentre solo per il 20% sia stato necessario procedere ad espropri forzoso, seguendo le procedure previste dalla legge. In quest'ultima fattispecie rientra anche la vicenda di Martino Fogal, l'agricoltore arrestato con l'accusa di aver cercato di sfondare il cordone di polizia con il suo trattore. L'imprenditore agricolo, spiega Vernizzi, è uno dei residenti che si sono opposti a qualsiasi intesa. In questo momento, due sono i ricorsi principali ancora pendenti.
Il commissario respinge anche i timori di possibili dissesti idrogeologici causati dall'asse viario. Al contrario, dei 2 miliardi e 258 milioni stanziati per l'opera, oltre 300 verranno destinati proprio alla sistemazione del territorio. E come avvenuto per il Passante, potranno trarne beneficio molti comuni dell'area, oggi soggetti a periodici straripamenti e allagamenti. Quanto ai lavori, Vernizzi confida che i lotti trevigiani possano essere terminati entro il 2018. Non probabile, però, un'apertura a stralci della superstrada prima del completamento definitivo fino a Spresiano: troppo elevato il rischio di scaricare un traffico da autostrada sulla viabilità ordinaria.