Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, serve un'analisi delle sezioni del terreno, per fugare ogni dubbio test del C14

IL GIALLO DELLE OSSA: DALLO SCAVO DI VIA FILZI SPUNTANO ALTRI RESTI

Oggi il sopralluogo dell'archeologa della Sovrintendenza di Padova


TREVISO - Ci sono ossa di alcuni scheletri e frammenti di altri teschi nello scavo che martedì, in via Filzi, aveva portato alla luce alcuni resti umani. A trovare i reperti erano stati alcuni operai della Ats: dopo il sopralluogo svolto dagli agenti delle volanti della polizia e della scientifica il pm Iuri De Biasi aveva immediatamente posto sotto sequestro lo scavo per ulteriori accertamenti. A svolgerli è stata in mattinata la dottoressa Marianna Bressan, archeologa della Sovrintendenza ai beni culturali di Padova. Per ora è impossibile datare con precisione i resti: per fugare ogni dubbio non si esclude il ricorso al test del “Carbonio 14”. La principale ipotesi è che risalgano ai primi decenni del secolo scorso. Di certo, e questa è la novita principale, gli scheletri sono certamente più d'uno ma non si tratterebbe di un cimitero bensì, forse, di una sorta di fossa comune. Ora la palla passerà ad Ats che nominerà a sua volta un archeologo che seguirà da venerdì la ripresa dei lavori presso lo scavo.