Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco Manidlo: "Città metropolitana è l'occasione per rilanciare l'occupazione"

TREVISO IN PRIMA FILA ALLA SMART CITY EXHIBITION DI BOLOGNA

La Marca presa come modello per lo sviluppo delle città intelligenti


BOLOGNA - La Smart City Exhibition ha parlato veneto. L’evento fieristico di Bologna, in corso dal 22 al 24 ottobre, ha ospitato questa mattina la tavola rotonda dal titolo “Smart City, Smart Community: quale modello per le realtà urbane di riferimento dei propri territori?” a cui hanno preso parte diversi sindaci e amministratori locali: Giovanni Manildo sindaco di Treviso, Jacopo Massaro Sindaco di Belluno, Andrea Cereser, sindaco di Sandonà di Piave, Alessandra Gazzola, assessore al bilancio del Comune di Treviso, Ofelio Michielan assessore ai lavori pubblici del Comune di Treviso, Giovanni Cunico assessore all’innovazione e alla progettazione europea del Comune di Bassano del Grappa, Otello Paraluppi Segertario generale del Comune di Treviso, Giancarlo Corò professore di economia dell’Università Ca’ Foscari e Michele Masé, volontario politico dell’amministrazione comunale trevigiana.
“Treviso è oggi il comune capofila del progetto Smart City – ha dichiarato il sindaco di Treviso Giovanni Manildo – Nell’incontro di questa mattina abbiamo condiviso le esperienze già avviate e illustrato il modello di governance elaborato in questo primo anno di mandato. Un’occasione positiva di confronto dalla quale è emersa la necessità di proseguire sulla strada già intrapresa da Treviso”.
A descrivere alcune delle azioni “smart” che hanno caratterizzato il lavoro dell’amministrazione nel primo anno di governo del territorio l’assessore al bilancio Alessandra Gazzola: “La redazione delle linee programmatiche ha rappresentato per il Comune di Treviso il primo tentativo per riordinare la programmazione dell’ente e renderla coerente con la visione Smart City che aveva deciso di adottare. Inoltre il Documento unico di Programmazione (DUP) nella sezione strategica implementa la visione smart e la rende coerente con le missioni del bilancio economico. A queste azioni si aggiungono il bilancio sociale e il percorso verso Gli Stati Generali a cui stiamo lavorando”.
Il primo cittadino è inoltre intervenuto nel programma generale dei lavori della Smart City Exhibition al convegno dal titolo “Legge 56/14 e riforma della governance locale in una prospettiva di sviluppo delle economie territoriali: “ La norma costituisce un fischio di inizio nella definizione della Città Metropolitana - ha dichiarato Manildo – Come amministratori abbiamo il compito di dare una risposta in termini istituzionali a una realtà che già esiste. Siamo pronti come capoluogo a lavorare come punto di aggregazione dei comuni così da poter iniziare ad affrontare il problema a livello sovracomunale. Le città metropolitane possono svolgere un ruolo di primo piano nel rilancio dell’occupazione e della crescita del territorio oltre che nella semplificazione burocratica e nell’efficienza dei servizi. In questi termini l’approvazione della “legge Delrio” non chiude il percorso ma lo apre. E’ necessario però che il lavoro sotto il profilo politico, amministrativo e legislativo continui”, ha chiuso il sindaco.