Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La denuncia delle minoranze: "Esecutivo isolato, attività bloccata"

IL PARCO DEL SILE NON VOTA: A RISCHIO ROGO DEA VECIA ED ALTRI EVENTI

Manca il numero legale, salta il regolamento per le manifestazioni


TREVISO -  A rischio le prossime edizioni del “Processo aea vecia” di Ponte Dante, della Festa dell'uva di Sant'Angelo ed di altre manifestazioni tradizionali che si svolgono nelle vicinanze del Sile, come i falò dell'Epifania di Casale e di Quarto d'Altino. Potrebbe essere questo uno dei risvolti dello stallo venutosi a creare al Parco del Sile. Già quest'anno i nulla osta per il caratteristico rogo di metà quaresima organizzato dagli Amici al Ponte Dante e dal Gruppo Folcloristico, ad esempio, erano arrivati solo pochi giorni prima della data di svolgimento. Ora la vicenda potrebbe ripetersi: la seduta del consiglio dell'ente di mercoledì scorso è saltata a causa della mancanza del numero legale di partecipanti. Tra le conseguenze dell'inaspettato stop, la mancata approvazione del punto numero 3 all'ordine del giorno della riunione: ovvero, il regolamento per la disciplina delle manifestazioni. Una défaillance, questa, che secondo i rappresentanti delle minoranze, mette a repentaglio le autorizzazioni per svariati eventi in programma nei prossimi mesi in località comprese nei confini del parco.
A risultare assenti, nonostante i tentativi di solleciti telefonici dell'ultimo minuto, sono stati in prevalenza i consiglieri della maggioranza di centro destra. La riprova, secondo Denis Gobbo, capogruppo della componente di minoranza, dell' “isolamento politico Lega – Pdl” in cui si è chiuso l'esecutivo, che, a sua volta, “ha portato all'ennesimo blocco dell'attività amministrativa”. I rappresentanti delle amministrazioni di centrosinistra sono pronte a chiudere una nuova convocazione dell'organismo “nel quale ripresentare con le dovute varianti migliorative il regolamento per la disciplina delle manifestazioni”. Ma soprattutto invitano ad una gestione più collegiale e trasversale dell'ente, “ritenendo – così ribadisce Gobbo - il Parco una risorsa di tutti i cittadini e non la proprietà esclusiva di una parte politica”.