Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula Alessandro Fort, Mario e Cecilia Ferrarelli. L'ex pres. Busato ha patteggiato

TRUFFA AI DISOCCUPATI: INIZIATO IL PROCESSO PER LO SCANDALO EFAL

Avrebbero incassato 1,8 milioni di fondi europei dalla Regione Veneto



TREVISO
– (gp) E' iniziato, con la prima lunga sfilata di testimoni, il processo a carico degli ex vertici dell'Efal in merito all'inchiesta su una presunta truffa ai disoccupati. Dopo il patteggiamento a 11 mesi e 27 giorni dell'ex presidente dell'ente, il 53enne di Treviso Fabrizio Busato, sul banco degli imputati per l'accusa di truffa aggravata ci sono l’ex direttore generale ed ex assessore Dc Mario Ferrarelli, 83enne residente a Treviso, la figlia e dipendente Cecilia, 47 anni anche lei trevigiana, e il coordinatore Alessandro Fort, 49 anni di Noale. Secondo il sostituto procuratore Valeria Sanzari, titolare del fascicolo, avrebbero incassato fondi europei, elargiti poi dalla Regione Veneto, destinati a dei corsi di formazione per giovani alla ricerca di un'occupazione. Tra il 2005 e il 2010 l'ente di formazione e addestramento, istituito nel 1972 e legato al Movimento Cristiano Lavoratori, secondo l'accusa avrebbe ottenuto indebitamente circa un milione e 800 mila euro che l'Europa aveva versato nelle casse della Regione Veneto. Il fine sarebbe stato appunto quello di “formare” giovani disoccupati per inserirli nel mondo del lavoro in vari settori, dal restauro di beni culturali al marketing passando per la lavorazione della ceramica. Secondo gli inquirenti, il meccanismo per intascare le somme si sarebbe fondato sulla presentazione di fatture false relative ad acquisti di beni e di servizi in realtà mai fatti, oltre al deposito di finti documenti relativi al numero di partecipanti e alle spese di docenza. Documenti che sarebbero risultati in alcuni casi anche intestati a persone che non avevano nulla a che fare con l'ente di formazione. L'Efal li avrebbe presentati alla Regione che poi avrebbe firmato le varie delibere con cui girava all’ente i fondi pubblici. Il denaro però, secondo la Procura, sarebbe finito nelle tasche degli imputati che respingono le accuse dicendo che si sarebbe trattato soltanto di una contabilizzazione scorretta delle spese. Le difese insomma contano di dimostrare che non c’è stata alcuna azione dolosa da parte degli ex vertici dell'Efal, e nessuna truffa ai danni dell’ente pubblico.