Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una delle fondatrici di "oltre il labbirinto" era accusata di appropriazione indebita

FONDI PER L'AUTISMO SCOMPARSI: SUSI CORBETTA PATTEGGIA 14 MESI

Il pres. della onlus Alberto Cais: "Sentenza che ci lascia amareggiati"


CORDIGNANO – (gp) Secondo la Procura di Treviso si sarebbe intascata circa 61 mila euro dell'associazione “Oltre il labirinto onlus”, di cui era una delle fondatrici, nonché vicepresidente e tesoriere. Denaro destinato a progetti e iniziative solidali nei confronti di persone affette da autismo. Finita a processo per rispondere dell'accusa di appropriazione indebita, la 45enne di Cordignano Susi Corbetta ha patteggiato un anno e due mesi di reclusione, pena sospesa, oltre a mille euro di multa e 2800 di spese legali per la costituzione di parte civile dell'associazione. Una sentenza “mitigata” dal fatto che una parte dei 60 mila euro sottratti (circa 16 mila mila) sono stati restituiti come la stessa Corbetta aveva annunciato di voler fare nel corso della precedente udienza. “Non entriamo nel merito della sentenza, che ci lascia molto amareggiati – ha affermato Alberto Cais, Presidente della Fondazione Oltre il Labirinto - Abbiamo già dato mandato all'avvocato Daniela Montagnin di avviare la causa civile per chiedere il risarcimento di quanto sottratto e del danno arrecato alla Fondazione”. Secondo gli inquirenti infatti, dall'ottobre 2010 al marzo 2012 cioè quando il presunto ammanco sarebbe stato scoperto, Susi Corbetta sarebbe riuscita a distrarre le somme contestate dalle casse della onlus utilizzandole per scopi privati. Condotte che avevano messo in serio rischio la sopravvivenza della fondazione, tanto che le famiglie si erano autotassate per ripianare il buco. "Ho già ricevuto decine di telefonate di genitori stupiti e arrabbiati. In poche parole la Sig.ra Corbetta non va in galera, non va ai servizi sociali e non deve restituire nulla del maltolto - ha dichiarato Mario Paganessi, direttore di “Oltre Labirinto” - Ci siamo accollati direttamente, come famiglie, i crediti dei fornitori lasciati scoperti dalla Corbetta, indebitandoci per ulteriori 50mila euro (oltre ai 60mila sottratti). Ci sorprende la decisione dei giudici, che a febbraio avevano lasciato intendere che il patteggiamento sarebbe stato accolto solo se l'imputata garantiva il risarcimento economico, cosa che non si è verificata. Attendiamo con curiosità il deposito delle motivazioni per comprenderne fino in fondo il significato. Viene quasi da pensare che questa sentenza, in un certo senso, legittima a delinquere visto che, a conti fatti, l'autore del reato ne esce quasi indenne."