Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ieri sera assemblea per decidere come riutilizzare i vari edifici

"SE CI SGOMBERANO SI ASSUMO LA RESPONSABILITĄ DI QUEL CHE SUCCEDE"

Il collettivo Ztl ribadisce la volontą di rimanere all'ex caserma Piave


TREVISO - L'occupazione dell'ex Caserma Piave prosegue: lo confermano gli attivisti del collettivo Ztl Wake Up che da sabato scorso sono entrati nello stabile chiuso ed abbandonato da anni. I giovani spiegano di essere disponibili alla trattativa ed invitano i rappresentanti dell'amministrazione comunale ad un incontro per valutare le possibilità di gestione anche di una parte dell'area. D'altro canto ribadiscono l'auspicio che non si passi ad azioni di forza, come lo sgombero: "deliri securitari che ricordano da vicino un ventennio passato", sottolinea Nicola Vendraminetto, uno dei portavoce del gruppo. Altrimenti, avverte Vendraminetto, "ciascuno dovrà assumersi le proprie responsabilità".
Intanto il collettivo ha tenuto un'assemblea per decidere quali attività mettere in campo nel complesso: oltre allo sfalcio di cespugli ed erbacce proliferate in questi anni, è già iniziata la risistemazione di tre fabbricati, per trasformali in un'aula studio, una palestra e uno spazio per concerti. Verrà creata anche un'officina per la riparazione delle biciclette. Ma c'è anche l'idea di indire una giornata di lavori aperti a tutti, magari già nel prossimo fine settimana.