Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ieri sera assemblea per decidere come riutilizzare i vari edifici

"SE CI SGOMBERANO SI ASSUMO LA RESPONSABILITĄ DI QUEL CHE SUCCEDE"

Il collettivo Ztl ribadisce la volontą di rimanere all'ex caserma Piave


TREVISO - L'occupazione dell'ex Caserma Piave prosegue: lo confermano gli attivisti del collettivo Ztl Wake Up che da sabato scorso sono entrati nello stabile chiuso ed abbandonato da anni. I giovani spiegano di essere disponibili alla trattativa ed invitano i rappresentanti dell'amministrazione comunale ad un incontro per valutare le possibilità di gestione anche di una parte dell'area. D'altro canto ribadiscono l'auspicio che non si passi ad azioni di forza, come lo sgombero: "deliri securitari che ricordano da vicino un ventennio passato", sottolinea Nicola Vendraminetto, uno dei portavoce del gruppo. Altrimenti, avverte Vendraminetto, "ciascuno dovrà assumersi le proprie responsabilità".
Intanto il collettivo ha tenuto un'assemblea per decidere quali attività mettere in campo nel complesso: oltre allo sfalcio di cespugli ed erbacce proliferate in questi anni, è già iniziata la risistemazione di tre fabbricati, per trasformali in un'aula studio, una palestra e uno spazio per concerti. Verrà creata anche un'officina per la riparazione delle biciclette. Ma c'è anche l'idea di indire una giornata di lavori aperti a tutti, magari già nel prossimo fine settimana.