Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accordo con il proprietario, la società Numeria, l'edificio pronto entro il 2017

L'EX PROVINCIA TORNA IN VITA CON AUDITORIUM E ARTIGIANI

Via al recupero, Manildo: "Rinasce il primo buco nero del centro"


TREVISO - “Cominciamo ad eliminare il primo prefisso 'ex' davanti ad un grande immobile del centro”. Il sindaco Giovanni Manildo annuncia così il recupero della vecchia sede dell'amministrazione provinciale, in viale Battisti: già da tempo era stato preparato un progetto da Numeria sgr, società che aveva acquisito l'immobile nell'ambito del risiko immobiliare. Ora il piano prenderà il via con la definizione del beneficio pubblico. Lo stabile verrà ristrutturato, ricavando due corpi uno da sei ed uno da sette piani, per circa 21mila metri cubi e 7mila metri quadri, a livello terra una serie di negozi, in quelli superiori appartamenti. Al Comune rimarranno, però, gli elementi di maggior pregio dello stabile progettato nel 1953-54 da Luigi Piccinato, uno dei maggiori archittetti ed urbanisti italiani a cavallo della seconda guerra mondiale. Ovvero, la sala Marton e la sala consiliare: la prima verrà adattata ad auditorium, la seconda, invece, sarà trasformata in laboratori per attività artigianali innovative, ad esempio legate alla stampa 3D. In collaborazione con Confartigianato sono già stati avviati i primi contatti con alcune imprese.
L'ex Prisma, l'edificio dirimpetto su via San Liberale, un tempo sede dell'assessorato Caccia e pesca, invece, potrebbe essere trasformato in ufficio in comune per giovani imprenditori, il cosiddetto co-working, o ospitare i giudici di pace. Verrà conservato anche il porticato davanti alla facciata principale, mentre negli spazi tutto attorno verrà realizzato un giardino pubblico, con 17 parcheggi sul retro. Conseguendo un doppio obiettivo, spiega il sindaco: “Riportare in vita uno dei buchi neri in decadenza della nostra città e, d'altro lato, riportare in centro attività imprenditoriali e posti di lavoro”.
Tutto il progetto avrà un'alta qualità architettonica, per inserirsi in un luogo centralissimo, sottolinea il presidente del Consiglio comunale Franco Rosi, e il beneficio pubblico avrà “un valore di milioni di euro, quando in passato ci si era accontentati di un appartamento al mezzanino e di qualche posto auto”.
Ottenuto l'ok in giunta, la delibera dovrà ora essere votata nel consiglio comunale di novembre. Poi si passerà alla progettazione esecutiva e definitiva: “Entro il 2017, ma io spero anche ben prima, il nuovo complesso sarà pronto”, assicura l'assessore all'Urbanistica, Paolo Camolei.
Quello all'ex Provincia, peraltro, sarà solo il primo intervento nel quartiere, collegandosi al recupero del Tribunale (destinato a quartier generale di Edizione, la holding della famiglia Benetton): “Con questo progetto - rimarca Manildo - vogliamo dare il fischio d'inizio del cambiamento della città”.